Agorà Magazine

Silvio Berlusconi giura davanti al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano

Nasce il Berlusconi IV con 21 ministri e solo quattro donne

venerdì 9 maggio 2008 di Guido Laudani


Lettori unici di questo articolo: 2089

Alle ore 17 precise Silvio Berlusconi entra al Quirinale e nel Salone delle Feste, davanti al Presidente della Repubblica Giorgio Napoletano, al Segretario Generale Donato Marra e al Consigliere Militare Rolando Mosca Moschin, tutto d’un fiato recita la formula di rito : "Giuro di essere fedele alla Repubblica, di osservare lealmente la Costituzione e le leggi e di esercitare la mie funzioni nell’interesse esclusivo della nazione".

Seguono gli altri 21 ministri del nuovo governo e alle 17:40 è già tutto finito : non restano che il prosecco e le tartine nella Sala degli Specchi. Poco dopo, alle 18 e 20, minuto più, minuto meno, Romano Prodi consegna a Silvio Berlusconi la campanella del Consiglio dei Ministri.

A questo punto nasce ufficialmente il Berlusconi IV, che è il governo con il minor numero di ministri con portafoglio, solamente 12, nella storia della Repubblica, ai quali si aggiungono 9 ministri senza portafoglio ; l’atra caratteristica di questo governo, e anche questa per la prima volta nella nostra storia politica, la lista dei ministri è stata resa nota poco dopo che il Presidente della Repubblica aveva conferito a Berlusconi l’incarico di formare il nuovo governo. Nel nuovo governo, 4 ministeri alla lega ed altrettanti ad Alleanza Nazionale..

Sulla presenza femminile nel nuovo governo, polemica dichiarazione della europarlamentare di AN Cristiana Moscardini : . ’’Se su dodici ministri quattro erano donne è un conto, ma se sono 4 su 21 allora è un pò pochino’’… Poteva essere l’occasione per tentare di fare qualcosa di più”. Nel Berlusconi IV ci sono due donne con ministero con portafoglio (Mariastella Gelmini all’Istruzione e Stefania Prestigiacomo all’Ambiente) e due senza portafoglio (Mara Carfagna e Giorgia Meloni ) ; diciamo un rosa molto pallido..

Il precedente governo Prodi aveva invece sei donne (Rosy Bindi, Emma Bonino, Linda Lanzillotta, Giovanna Melandri, Barbara Pollastrini e Livia Turco) su 25 componenti.

Il nuovo governo chiederà la fiducia mercoledì a Montecitorio e il giorno successivo a Palazzo Madama ; l’esito favorevole delle due votazioni è già scontato.

Nel momento dell’addio, Romano Prodi si tira da parte ; nel ritorno al privato, non può che trarre alcune considerazioni della sua esperienza al governo : “Ho avuto molte soddisfazioni, e ero disposto a guidare il Paese per qualche altro anno.

Ho fatto la mia politica in modo di avere risultati lungo tutta la legislatura, ma questa è stata interrotta non certo per mia responsabilità. Ne ho tratto le conseguenze in modo serio e doveroso, proprio perché il Paese possa andare avanti, perché io non sia più di intralcio a quelle che emergono come le novità. Adesso si ritorna alla vita di famiglia”


Parole chiave

Home page | Contact | Mappa del sito | Area riservata | Statistiche delle visite | visite: 16779056

Registrato al Tribunale di Roma n° 358/2007 del 27 luglio 07 Edito da Ass.ne Spazio Agorà CF/IVA 97467680589
Diretto da: Umberto Calabrese
Webmaster and Powered by: ArteCA
web marketing

     RSS fr RSSPolitica RSSAttualità   ?

Creative Commons License

bodrum escort sex story storys find bolu fucking girl escort bayan escort bayan escort bayan escort bayan porn eskort escort bayan escort bayan escort bayan porn eskort escort bayan escort bayan escort bayan escort bayan escort bayan escort bayan porn eskort escort bayan escort bayan escort bayan escort bayan fatura öde escort diyarbakır escort diyarbakır