ANNO XIII  Aprile 2019.  Direttore Umberto Calabrese

×

Notice

There was a problem rendering your image gallery. Please make sure that the folder you are using in the Simple Image Gallery plugin tags exists and contains valid image files. The plugin could not locate the folder: images/2016/silicon

Warning: imagejpeg(/var/www/vhosts/agoramagazine.it/try.agoramagazine.it/cache/jw_sig/jw_sig_cache_9c65a47411_2016-12-16_09.21.57.jpg): failed to open stream: Permission denied in /var/www/vhosts/agoramagazine.it/try.agoramagazine.it/plugins/content/jw_sig/jw_sig/includes/helper.php on line 152
Venerdì, 16 Dicembre 2016 14:27

Taranto – A Talsano sbarca la Silicon Valley che da oggi e nel futuro darà lavoro ai giovani

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Una scommessa partita 18 anni fa, un area Pip con adesso 20 capannoni, ma secondo uno degli animatori del progetto, Tonino De Padova, saranno almeno 100.

Un incontro stamane che potrebbe essere etichettato come sede di riscossione dei debiti e dei crediti morali, per chi da epoche remote ha pensato allo sviluppo del territorio, come Francesco Semeraro, già assessore in altri tempi, o chi nel quartiere come Dante Capriulo ha svolto il lavoro di aiuto amministrativo, sempre difficile e mai scontato. Dire, come è stato detto dal Sindaco che 18 anni sono pure pochi, rispetto ad altro, è per un giovane di 23 anni che brucia il tempo una bestemmia. Il 24 enne che stava accanto allo scrivente, delle Falegnamerie Loperfido che ha un piccolo capannone di 1000 metri, parla di macchine a controllo numerico che dal disegno al mobile ci mette un minuto. Ecco la cifra che caratterizza il complesso inaugurato oggi e che rappresenta il lavoro futuro su Taranto e va oltre l’Ilva. Impr&tal, diceva De Padova, porta nel nome "tal" riferito al quartiere Talsano, ma va letto come talento. Chi non è mai incappato in  giovani talentuosi mortificati dalla scarsezza del territorio? Laddove il piano di azione individuale si scontra con la miseria e la povertà di idee che ci circondano? Ecco perché il CUBO di Talsano, che nelle foto cerchiamo anche di illustrare parla di ospitare l’impresa del futuro e che la piazza centrale, grandissima che sarà utile per fiere e mostre ed altri eventi si chiamerà Steve Jobs in onore a uno dei creatori della Silicon Valley. Bruciare il tempo adesso, basta con la burocrazia che si autoassolve. Parlavamo dei debiti e crediti, un credito riscosso è stato certo quello legato alla prima pietra messa 18 anni fa, come sottolinea nel suo intervento Cinzia Cardone, quando il Corriere del Giorno titolò in prima pagina, Talsano 34 imprenditori investono sul territorio. E di quella testata che non c’è più riscuoteva il suo credito con un sorriso tra il pubblico della Direttrice di allora. La scommessa è puntare sulle piccole e medie imprese innovative. L’impegno profuso nel tempo dalle 34 imprese in questi 18 anni sono stati 13 milioni di euro. Un investimento per il futuro. De Padova mi parlava delle grandi capacità innovative dei giovani, dalla creazione di stampanti 3D che creano altre stampanti3D, oppure ricreano tutte le parti di una vecchia 500 fiat. E tanto ancora che sarà il lavoro di narrazione del futuro.   Luogo di Coworking, per tutti coloro che vogliano impegnarsi verso l’innovazione e anche un caffè letterario perché anche la cultura si mangia per dirla tutta.

{gallery}2016/silicon{/gallery}

 

Protagonisti

IMPR&TAL

Impr&Tal è nata con lo scopo di creare sinergie tra imprese e professionisti; l'obiettivo comune è quello di valorizzare la portata e la qualità dell'offerta condividendo esperienze e competenze di ognuno.

La Vision della Rete è quella di creare un terreno comune per rispondere in modo efficace agli attuali processi di globalizzazione del mercato, in un contesto dove frammentarietà ed individualismo non hanno più prospettive.

È un'aggregazione di PMI che nasce nel 2000 con l'obiettivo di realizzare e condividere un programma congiunto di sviluppo, puntando alla strutturazione di un comparto attrezzato all'interno dell'area PIP di Talsano-Taranto. Il progetto si caratterizza per la modernità nella tipologia d'insediamento per il posizionamento e lo stile architettonico curato nei particolari per l'attenzione aH'eco-compatibilità e all'utilizzo di fonti rinnovabili.

RETEATHENAONLUS

Il Consorzio Athena nasce per raggruppare imprese e professionisti che, opportunamente organizati in rete, possono valorizzare il peso complessivo e qualitativo della propria offerta, mettendo a fattor comune le rispettive esperienze e requisiti.

Come ormai sostengono da anni i maggiori analisti economici del mondo, i tessuti imprenditoriali troppo frammentati e caratterizzati da un eccessivo individualismo sono ormai destinati a non avere alcuna prospettiva futura nel contesto globale. Per questo è nato il Consorzio Athena, per dare la chance alle imprese lungimiranti di rispondere alla crisi con fatti concreti: alimentare un network collaborativo per intercettare, di più e meglio, le nuove opportunità offerte dalla globalizzazione dei mercati.Ad oggi il Consorzio Athena è un riuscito connubio tra la forza, in termini di risorse e competenze, di alcune grandi aziende e l'elevata qualità e precisione artigianale delle piccole e medie imprese, affiancate dai migliori professionisti del territorio.

CUBOLAB

Lo spazio del Coworking rappresenta un vero e proprio cambiamento radicale, creativo e innovativo.

Nel concreto è uno spazio condiviso con postazioni di lavoro e una varietà di servizi accessori che consente a liberi professionisti, start up e piccole aziende, di lavorare insieme allo stesso tavolo, pur svolgendo attività differenti.

CuboLab si inserisce aN'interno della struttura Impr&Tal di Talsano, uno scenario dove sempre più si affermano nuovi spazi di mercato. È un punto strategico sia per Taranto che per i paesi limitrofi, una zona lontana dal caos cittadino ma raggiungibile con mezzi di trasporto pubblici e privati e con ampia disponibilità di parcheggio.

AN'interno di una struttura dal design innovativo e luminoso si prevedono spazi, risorse e contesti per consentire ai giovani e non solo, di sviluppare progetti, cooperare, socializzare ed entrare in contatto con le realtà imprenditoriali del territorio. Il punto di partenza? Struttura nuova, scrivanie, arredi d'ufficio, internet Wi-fi, sala riunioni e conferenze.

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 2066 times Last modified on Venerdì, 16 Dicembre 2016 14:55

Utenti Online

Abbiamo 1141 visitatori e nessun utente online