ANNO XIII  Aprile 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Sabato, 22 Luglio 2017 00:00

Il nuovo movimento di Berlusconi è una startup e non una 'quarta gamba'

Written by 
Rate this item
(0 votes)

C'è chi la chiama già la 'startup' di Silvio Berlusconi. Di certo il Cavaliere sta preparando un nuovo soggetto politico e reclutando la truppa e gli ufficiali che dovranno farne parte. C'è chi, come Franco Carraro citato da La Stampa, dice che Berlusconi "accoglierà a braccia aperte i centristi e li metterà nel suo nuovo contenitore; anzi, in un bel secchio".

E chi, come Fabrizio Cicchitto, parla di 'bad company' di Forza Italia a proposito del gruppo che dovrebbe raccogliere gli ex berlusconiani pronti a tornare all’ovile. 

Ma, battute a parte, il Cavaliere sta facendo sul serio e le dimissioni del ministro Enrico Costa sono l’inizio di una offensiva che mira a impossessarsi rapidamente dell’area centrista ed entro breve il contenitore prenderà le sembianze di un vero e proprio movimento, destinato a fiancheggiare il partito berlusconiano.

Tempi rapidi

È già pronto il nome: si chiamerà Italia Civica, un nome che evoca il partito di Mario Monti e le liste autonome che fioriscono spontanee in molti Comuni. Tra fine mese e l’inizio di agosto verrà formalizzata la nascita del nuovo soggetto politico. Motore dell’operazione è l’avvocato Niccolò Ghedini, il quale da tempo ha assunto una veste di maggiore protagonismo dentro Forza Italia, in piena sintonia con il capogruppo alla Camera, Renato Brunetta.

Qual è l'obiettivo di Berlusconi

L’obiettivo consiste nel dare casa a gruppi e personaggi che potranno tornare utili nella campagna elettorale, radicati sul territorio e con un pacchetto di voti. Ecco chi potrebbe entrare nel gruppo: 

  • L’ex leghista Flavio Tosi porta con sé 100mila preferenze
  • Lorenzo Cesa, segretario Udc, con il suo 1 per cento di consensi
  • Il Partito dei pensionati
  • Gli animalisti di Michela Vittoria Brambilla
  • Maurizio Lupi, già ministro con Matteo Renzi.

Il totale potrebbe superare il 2 per cento. Nell’elenco di senatori pronti a stabilizzarsi nel centrodestra, scrive il Corriere della Sera, i nomi sono 25: ai dieci di Federazione della Libertà, guidati da Gaetano Quagliariello, stanno per aggiungersi quattro in arrivo dal partito di Alfano (più tre, che sono incerti), quattro da Ala-Scelta civica (più un incerto), quattro dall’Udc e tre della pattuglia di Tosi.

La Startup

La settimana prossima verrà fatto un passo in avanti. Con l’arrivo dei nuovi innesti, i gruppi di Forza Italia e di Federazione della Libertà formalizzeranno una sorta di coordinamento comune. Che, di fatto, agirà d’intesa anche con il gruppo della Lega Nord. L’impressione è che Berlusconi tenga aperte tutte le strade. Tanto quella della Grande Coalizione con Renzi, quanto quella del centrodestra con Salvini. Tutto dipenderà dalla legge elettorale.

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 1116 times

Utenti Online

Abbiamo 1274 visitatori e nessun utente online