ANNO XIII  Aprile 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Sabato, 02 Marzo 2019 04:30

Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti sanziona sei militari per ostacolare gli aiuti umanitari

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Nuove sanzioni Usa ad personam come tutte quelle fatte da Usa e Unione Europea

Venerdì gli Stati Uniti hanno sanzionato sei funzionari della sicurezza venezuelani fedeli al presidente Nicolás Maduro per aver impedito l'ingresso di aiuti umanitari nel paese impoverito sabato scorso.

Tra quelli sanciti c'è il comandante della Guardia nazionale bolivariana, il generale maggiore Richard Jesús López Vargas; così come Jesús María Mantilla Oliveros, comandante di un'unità commissionata da Maduro per rafforzare la sicurezza al confine con il Brasile, ha detto il Dipartimento del Tesoro.

Le misure riguardano anche i capi di difesa negli stati di Bolívar, al confine con il Brasile, il generale Alberto Mirtiliano Bermúdez Valderrey; e Táchira, al confine con la Colombia, José Leonardo Noroño Torres.

Inoltre, sono stati sanzionati José Miguel Dominguez Ramirez, commissario capo dell'Azione Special Force (FAES) della Polizia Nazionale Bolivariana (PNB) in Tachira; e il colonnello Cristhiam Abelardo Morales Zambrano, direttore del PNB in ​​quello stato.

Le sanzioni bloccano qualsiasi attività che queste persone potrebbero avere negli Stati Uniti e le proibiscono da qualsiasi transazione finanziaria con individui o entità statunitensi.

Stati Uniti, con il supporto di Colombia e Brasile, cerca aiuti umanitari scorso fine settimana per entrare in Venezuela a seguito di una chiamata da leader dell'opposizione venezuelana Juan Guaidó, riconosciuto da Washington e più di 50 paesi come presidente ad interim. Ma le forze fedeli a Maduro hanno bloccato l'operazione, provocando scontri che hanno provocato quattro morti e centinaia di feriti.

Maduro nega che vi sia una "emergenza umanitaria" in Venezuela e rifiuta l'assistenza considerandolo l'inizio di un'invasione militare guidata dagli Stati Uniti per rovesciare lui, da quando il presidente Donald Trump non ha escluso l'uso della forza per costringere fuori Maduro , il cui mandato considera il risultato di elezioni fraudolente e quindi "illegittime".

"Gli Stati Uniti sostiene fortemente gli sforzi del presidente ad interim Juan Guaidó, e il Tesoro continuerà a bersaglio Maduro sostenitori di prolungare la sofferenza delle vittime della crisi umanitaria provocata", ha detto Mnuchin.

Politicamente diviso il Venezuela, ha dichiarato un default parziale nel 2017 da diverse agenzie di rating, è impantanata in una crisi economica senza precedenti, segnato da iperinflazione e una grave carenza di materie prime.

Circa 2,7 milioni di persone hanno lasciato il paese dal 2015, secondo le Nazioni Unite. Dal 2015, Washington ha sanzionato i funzionari e decine di exfuncioanarios venezuelani, tra cui la propria Maduro, accusandoli di violazione dei diritti umani, la corruzione e il traffico di droga.

Inoltre, ha applicato un embargo al petrolio del Venezuela, che è cruciale per la sua economia, che entrerà in vigore il 28 aprile. La Russia, alleata di Maduro, ha promesso venerdì di continuare con il suo aiuto umanitario.

Read 705 times

Utenti Online

Abbiamo 1213 visitatori e nessun utente online