ANNO XIII  Giugno 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 03 Aprile 2019 09:46

Oggi a Lecce domani a Taranto Adesso Tienimi di Flavia Piccinni

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Dopo la presentazione di Bari di lunedì al Prinz Zaum, la scrittrice pugliese Flavia Piccinni prosegue il suo tour. Oggi l'autrice sarà infatti a Lecce, alle Officine Culturali Ergot con Osvaldo Piliego (ore 19) e domani giovedì 4 aprile a Taranto, ospite della Libreria Dickens in un incontro condotto da Giulia Galli.

"E' incredibile - spiega l'autrice - che a distanza di così tanti anni dall'uscita, dodici per la precisione, Adesso Tienimi continui a parlare ai lettori con le sue lacerazioni, e con una Taranto che, pur avendo preso coscienza delle sue ferite e di ciò che è l'ILVA, di ciò che ogni giorno è costretta a subire, è prigioniera di una politica servile, se non bugiarda e incompetente". 

La scrittrice tarantina sarà poi protagonista sabato pomeriggio con il suo saggio "
Bellissime" - pubblicato da Fandango nel 2017, e protagonista di un docufilm prodotto da Fandango e TIMVISION in uscita il prossimo autunno, nonché vincitore del Premio Croce e del Premio Enea - del festival "Donne! Ribelli, resilienti, libere" a Castellana Grotte, e domenica sarà insieme a Carmine Gazzanni ad Alberobello per presentare il suo ultimo saggio inchiesta, già al centro di un acceso dibattito e ispiratore di due DDL, "Nella Setta" (Fandango, 2018). 


Adesso Tienimi
Amare, e nell’amore morire. È questa la storia di Martina, che ha diciassette anni, che vive a Taranto, che conosce l’abuso e la dipendenza, che trova nell’ossessione una zattera per una momentanea, disperata, felicità. Intorno a lei un Sud perbenista e ipocrita. Dentro di lei la violenza assoluta come si conosce solo nella giovinezza. La sua storia, malinconica e aspra, la racconta direttamente lei. Per come l’ha vissuta. Per come l’ha uccisa.


Hanno scritto di "Adesso Tienimi"

Una voce convincente e precisa fin dall’attacco.
– Michele De Mieri su «il Venerdì» 

Un romanzo maturo, dalle tinte cupe, senza concessioni al giovanilismo.
– Paolo Di Paolo su «l’Unità»

Un romanzo d’esordio che è un colpo al cuore.
– Antonella Lattanzi su «Stilos»

Non capita spesso di provare emozioni del genere leggendo romanzi italiani. Un esordio che non dimenticheremo.
– Irene Merli su «Tribe»

L’enfant prodige della nuova narrativa italiana.
– Gian Paolo Serino su «D di Repubblica»

Con la semplicità inequivocabile dei grandi talenti Flavia Piccinni riesce per tutto il romanzo a serrare in un’unica morsa il mondo di fuori e quello di dentro per creare un grande romanzo.
– Michele Trecca su «La Gazzetta del Mezzogiorno»

Read 342 times

Utenti Online

Abbiamo 1303 visitatori e nessun utente online