ANNO XIII  Agosto 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 17 Aprile 2019 03:31

Caracas, il consigliere diplomatico del premier Conte, Pietro Benassi, incontra la comunità italiana del Venezuela: ennesima occasione persa

Written by 
Rate this item
(0 votes)
Il Consigliere diplomatico del Premier Giuseppe Conte l'Ambasciatore Pietro Benassi Il Consigliere diplomatico del Premier Giuseppe Conte l'Ambasciatore Pietro Benassi

Caracas (Venezuela) - L’ambasciatore Pietro Benassi ha espresso la vicinanza del presidente Conte e del Governo italiano ai nostri connazionali in questa delicata fase

L’ambasciatore Pietro Benassi, Consigliere Diplomatico del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, ha effettuato una visita a Caracas nei giorni 15 e 16 aprile. Nel corso della missione, Benassi ha incontrato i principali esponenti della collettività italiana in Venezuela, una delle più importanti all’estero, con circa 160mila connazionali.

L’ambasciatore – riferisce una nota di palazzo Chigi – ha espresso la vicinanza del presidente Conte e del Governo italiano ai nostri connazionali in questa delicata fase e, inoltre, ha illustrato una serie di azioni svolte dal nostro Paese e mirate a facilitare sia i servizi consolari sia forme di sostegno, in particolare per i connazionali più indigenti.

Nel corso della sua visita a Caracas, l’ambasciatore Benassi, unitamente al Nunzio Apostolico in Venezuela, monsignor Aldo Giordano, ha incontrato il ministro degli Affari Esteri venezuelano, Jorge Arreaza, il presidente dell’Assemblea Nazionale, Juan Guaidò, e diversi esponenti dell’Assemblea Nazionale venezuelana.

Assemblea con gli Italiani del Venezuela

La moderatrice Daniela Loreto, da subito la parola al padrone di casa Carlos Villino, che ricorda che il CIV è un ente privato e che al CIV non si parla di politica venezuelana, e che si discute con l'ospite del Governo italiano dei problemi annosi dei servizi consolari.

Intervento del Cosigliere diplomatico di Conte Ambasciatore Piero Benassi

"Il presidente Conte desiderava molto inviare qui il suo rappresentante per le relazioni europee e internazionali a Caracas, principalmente per due motivi: prima, portare la sua solidarietà personale, quella del governo e del parlamento italiano ai nostri concittadini che vivono in Venezuela e ascoltare i problemi della comunità ", ha detto durante la riunione tenuta lunedì al Centro Italo-venezuelano di Caracas.

Nel corso dell'evento, Benassi ha aggiunto che durante la sua permanenza fino a martedì nel paese, aveva anche programmato di tenere sei o sette incontri con rappresentanti dell'opposizione, del governo e della società civile, dopo aver ricordato che l'Italia è un membro del gruppo di contatto dell'Unione Europea con il Venezuela.

Durante più di due ore di conversazione e scambio, Benassi non ha avuto remore a "lavare gli stracci sporchi a casa" rispondendo a domande e lamentele e "appendere vestiti puliti" a causa dei progressi mostrati dai servizi consolari, in base ai numeri "Incontrovertibile" che sono registrati nell'oggetto.

Ha riconosciuto che ci sono problemi per soddisfare i bisogni dei cittadini e si è impegnato a continuare a migliorare per risolverli perché "puoi sempre fare di più e meglio".

Tra i punti a favore della comunità italiana nel Paese, ha ricordato che ad esempio, in Venezuela il passaporto viene consegnato a vista, mentre a Roma è concesso a 15 giorni.

Affrontando i diversi approcci della comunità italiana, Benassi ha spiegato che la chiusura del Consolato Generale d'Italia a Maracaibo era dovuta a regole legali e sindacali che impedivano il suo funzionamento senza condizioni adeguate per il personale.

"In termini legali non è possibile mantenere aperto un ufficio pubblico se l'elettricità non arriva per 12 ore, se non c'è acqua, se ci sono problemi di sicurezza per il trasferimento del personale dell'ufficio a casa, questo non significa disinteresse, significa applicare la legge ", e ha sottolineato che" non appena quella stessa legge ci permetterà di riaprire, vogliamo riaprire, ma lo faremo legalmente ".

Il diplomatico ha risposto alle lamentele e alle preoccupazioni di alcuni partecipanti riguardo al programma di consegna di medicinali alla comunità e ha negato fortemente che fosse interrotto:
"Abbiamo appena pagato la seconda fase per mezzo milione di dollari", ha detto, osservando che alcune persone non hanno ricevuto il farmaco che stavano cercando nella prima fase del programma perché si è esaurito nel dispensario e "ecco perché è stato fatto un secondo contributo".

Ha specificato che 1.398 pazienti hanno ricevuto cure mediche mentre 812 hanno ricevuto farmaci e 586 sono in attesa di riceverli.

Ha sottolineato che nessun altro paese europeo mantiene un analogo programma di aiuti, articolato tra l'Ambasciata, il Consolato e il Ministero degli Affari Esteri, e ha annunciato che nella prossima legge di bilancio "ci sarà bisogno di maggiori spese".

Altri approcci e le richieste per estendere la concessione della cittadinanza, per esempio agli italiani che hanno rinunciato alla loro nazionalità di origine per il lavoro, e la consegna del "Reddito di cittadinanza", o cittadini di reddito, Benassi ha detto che tali questioni costituiscono " problema equo e delicato "che è regolato da leggi" modificate "ma la cui competenza ricade sul Parlamento e non sulle ambasciate.

Egli ha anche stabilito che non si può concedere lo status di rifugiato ai residenti italiani in fuga dal paese e dalla crisi, dal momento che tale cifra non si applica nel diritto internazionale.

Ha anche detto che non è possibile "saltare" la legalizzazione di documenti (apostille) nel ministero degli Esteri del Venezuela, per ottenere il "affermazione del valore" al consolato, necessario studiare in Italia, perché è un obbligo di legge e la non conformità sarebbe un crimine.

"Che cosa possiamo fare e faremo è aumentare il tipo di pressione sul governo di accelerare il rispetto della legalizzazione dal Ministero degli Affari Esteri.

L'Ambasciatore Benassi ha anche promesso di scoprire se è possibile includere il Venezuela nella lista dei paesi con grave crisi e problemi bisognosi di sostegno istituzionale, cioè esentare da alcuni requisiti alla fine degli studi in Italia, anche se lui non lo credeva possibile.

Riconoscimento di Juan Guaidó

Era il tema che gli italiani del Venezuela volevano affrontare, ma la premessa che non era il luogo di parlare di politica venezuelana ha sovvertito la speranza di un civile e democratico confronto con il rappresentante del Governo con diverse eccezioni, quasi tutti pur limitadosi solo al finale dei 3 minuti concessi dal tavolo di presidenza ai singoli interventi, con laconico “chiedo che Italia riconosca Guaidó”.

Fuori dal coro Giuseppe Di Cera ex candidato del Centro Destra e coordinatore della Lega Salvini Venezuela che ha letto un lungo e dettagliato documento, consegnato a Benassi.

Nella sua lettura, Di Cera ha indicato che "l'ambiguità" del governo italiano di non riconoscere né Nicolás Maduro né Juan Guaidó come presidente del paese e ha chiesto una "più chiara opposizione" al regime, per l'intera crisi economica , sociale e politica che soffre la popolazione, e che il governo italiano riconosca Juan Guaidó come presidente ad interim del Venezuela, come hanno fatto più di 50 paesi.
Ha anche chiesto che l'Italia sostenga un intervento umanitario.

A questo proposito, Benassi ha ribadito la posizione ufficiale del governo di Conte e ha indicato che è la stessa posizione dell'Unione Europea espressa nel non riconscimento delle elezioni presidenziali del 20 maggio 2018, il riconoscimento dell'AN come unico organo legittimamente eletto, e petizione di nuove elezioni libere.

Anche lo scrivente intervenendo dando voce ai miei lettori, ho ricordato che proprio un anno fa in occasione dell'incontro con il Direttore Generale della Farnesina per per gli italiani all’estero e le politiche migratorie Dott. Luigi Maria Vignali, avevo sottolineato che il servizio appuntamenti on line è ottimo ed efficiente, ma del tutto inutile in Venezuela dove siamo senza luce per molte ore al giorno o addirittura per settimane, e reiterato l'invito a sopendere sino al ritorno della Democrazia il servizio on line. Si perché non è il Consolato ne l'Ambasciata d'Italia a poter risolvere i nostri problemi ma il Governo italiano può autarci riconoscendo Juan Guaidó, togliendo il veto al suo riconoscimento all'Unione Europea, favorendo così il ritorno della Democrazia senza la quale senza luce, acqua, alimenti, medicine, nel terrore quotidiano è un miracolo quello che fa l'Ambasciata e i Consolati d'Italia. Questo il riconoscimento di Guaidó da parte dell'Italia è l'aiuto concreto che chiediamo come italiani del Venezuela. Non ho avuto risposta dal Dott. Benassi e ringrazio il nostro ambasciatore Silvio Mignano che ha ricordato che la mia proposta di sospendere il servizio on line e allo studio della Farnesina.

Un' occasione perduta e pure in sala pronti ad intervenire e a svolgere un dibbattito civile e democratico, a cui non è stata data la parola c'erano ex candidati al parlamento italiano, c'erano professori universitari, c'erano presidenti di prestigiose Istituzioni internazionali, c'era l'Avvocato Angelo Palmieri autore della lettera a Mattarella. No, non gli hanno dato parola se pur per 3 minuti, si è preferito parlare di servizi consolari, delle attività del CGIE, e delle tensioni personali tra gli organismi di rappresentanza e servizio agli italiani del Venezuela.

Credo amaramente che bisogna non andare più ad inutili riunioni al CIV e trovare altro spazio per liberi e democratici dibattiti fra chi viene da Roma per incontrare gli italiani del Venezuela e poter quindi parlare dei problemi reali e trascendenti.

Read 1453 times Last modified on Mercoledì, 17 Aprile 2019 06:07

Utenti Online

Abbiamo 1196 visitatori e nessun utente online