ANNO XIII  Agosto 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Lunedì, 22 Aprile 2019 03:50

Un massacro come lo Sri Lanka non viveva dalla fine della guerra civile

Written by 
Rate this item
(0 votes)

In questa Pasqua di sangue in Sri Lanka, con stragi simultanee in hotel e chiese ci chiediamo che succede in questo mondo. Oltre 200 morti e 450 feriti. Anche turisti stranieri tra le vittime. 8 le esplosioni accertate, 13 gli arresti.

Fra qualche giorno avremo sepolto sotto il tappeto delle nostre urgenze e stravaganze questa cronaca lontana che solo un Papa, che viene dai confini del mondo ci ricorderà nelle omelie.

Oltre duecento morti e più di 450 feriti di cui un numero imprecisato in condizioni critiche. E fra i morti 35 stranieri di otto nazionalità. Ma i numeri danno solo una pallida idea di quello che è successo in Sri Lanka. Sono esplose bombe in tre chiese e in 4 alberghi di lusso e un kamikaze si è fatto saltare in aria a casa sua uccidendo tre degli agenti che erano andati ad arrestarlo. È stato un massacro come lo Sri Lanka non viveva dalla fine della guerra civile.

L'unità di crisi della Farnesina è al lavoro per verificare l'eventuale coinvolgimento di italiani e ha messo a disposizione un numero per segnalazioni, +390636225. L'attacco non è stato ancora rivendicato, ma il governo ha assicurato che i responsabili dell'atto terroristico di matrice religiosa sono stati identificati. Al momento gli arrestati sono 13, ha riferito la polizia locale, aggiungendo di essere in possesso anche di un furgoncino che sarebbe stato usato per portare i terroristi a Colombo.

Questo accanirsi con la cristianità, proprio nel giorno di Pasqua, rientra in quella strategia che ci ha fatto pensare al complotto anche per l’incendio di Notre Dame, però e per fortuna, almeno in questo caso, legato ad un corto-circuito.

I nomi emersi - ha detto il premier Ranil Wickremesinghe - "sono tutti locali" ma gli inquirenti stanno cercando di verificare eventuali "contatti all'estero". Ed è già polemica perchè la strage in qualche modo era stata annunciata: il capo della polizia era stato allertato da un servizio straniero di intelligence e aveva emanato un'allerta a livello nazionale l'11 aprile, segnalando il rischio di attentati kamikaze contro "chiese importanti" e contro la rappresentanza diplomatica indiana a Colombo, pianificati dal gruppo radicale islamico National Thowheeth Jama'ath (Ntj).

Si deve capire - ha detto il premier - perché "non siano state prese contromisure, non sia stata data sufficiente attenzione" alla soffiata. Il gruppo è noto dall'anno scorso, quando era stato collegato ad una serie di atti vandalici contro simboli buddisti.

Tutte le celebrazioni pasquali sono state annullate ed è stato dichiarato lo stato di emergenza; è stato anche imposto il coprifuoco con effetto immediato e fino a nuove comunicazioni dalle 18 fino all'alba. Sono stati anche sospesi tutti i social network "per il tempo necessario a chiudere le indagini".

Condanne e cordoglio da tutto il mondo. Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha espresso "sdegno e profonda tristezza" e ha confermato l'"inflessibile impegno" dell'Italia "nella lotta contro ogni forma di terrorismo e di violenza".

A Colombo sono stati colpiti il santuario di Sant'Antonio, gli hotel di lusso Shangri-La, Kingsbury e Cinnamon Grand Colombo; un piccolo hotel a Dehiwala, periferia meridionale, vicino allo zoo. A Negombo, a nord della capitale, è stata colpita una chiesa. Un'altra chiesa è stata attaccata a Batticaloa, nell'est del Paese, nella parte opposta dell'isola.

"Per favore restate in casa. Ci sono molte vittime, inclusi stranieri", ha scritto su Twitter il ministro per le Riforme economiche, Harsha de Silva, che ha visitato alcuni dei luoghi attaccati. "Scene orribili, ho visto arti amputati sparsi dappertutto, le squadre di emergenza sono state inviate in tutti i luoghi. Abbiamo portato molte vittime in ospedale, speriamo di aver salvato molte vite", ha aggiunto. Nel Paese i cristiani sono il 7,4% della popolazione. Personalmente abbiamo conosciuto alcuni esuli di questo straordinario paese e possiamo dire che sono persone di una grande umanità e stride fortemente il contrasto con questa terribile cronaca.

Read 530 times

Utenti Online

Abbiamo 1220 visitatori e nessun utente online