ANNO XIII  Maggio 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 23 Aprile 2019 15:25

Venezuela, le ragazze vendono i propri capelli per far fronte a crisi

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Il fenomeno è sempre più diffuso nel Paese, flagellato dalla crisi economica e dall'iperinflazione. Le donne riescono a ricavare anche 100 dollari americani dalla vendita di una grossa ciocca, con cui aiutano la famiglia ad acquistare beni di prima necessità.

Cento dollari in cambio di una grossa ciocca di capelli. È un fenomeno sempre più diffuso in Venezuela dove la crisi economica e l’iperinflazione stanno portando un numero crescente di donne dei quartieri poveri a vendere i loro capelli, destinati alla realizzazione di parrucche ed extension. Nel Paese c’è forte carenza di cibo e medicine e l'altissima inflazione ha reso i salari quasi senza valore. "Ci sono periodi di due o tre settimane in cui non si riesce a lavarsi i capelli", dice una ragazza di 16 anni che si sottopone al taglio dei capelli da vendere. Alcune donne si lavano i capelli con il detersivo per piatti perché non possono permettersi di comprare uno shampoo che costa più del salario minimo mensile, che equivale in questo momento a pochi dollari americani. Negli ultimi mesi infatti, durante i momenti più tesi della crisi tra il leader Nicolas Maduro e il presidente autoproclamato Juan Guaidò, sono diventate sempre più frequenti le carenze idriche, causate dai numerosi blackout elettrici a livello nazionale.

I soldi ricavati per comprare beni di prima necessità

Le ragazze utilizzano i soldi ricavati dalla vendita dei capelli per aiutare le proprie famiglie a comprare beni di prima necessità. "Le ragazze vendono i capelli a causa della situazione nel Paese, per necessità economiche, per acquistare cibo, medicinali o per qualsiasi altra ragione, ma vendono i capelli per necessità", afferma l'hairstylist Jose Velasquez. Anche i negozi locali che vendono prodotti di bellezza si stanno reinventando per rimanere a galla. I marchi internazionali di cosmetici sono scomparsi dai negozi, sostituiti da merci più economiche provenienti dalla Cina e prodotti locali che utilizzano miele e altri ingredienti.

Fatica a guardarsi allo specchio dal parrucchiere, dove sta per abbandonare la sua folta chioma.

Questa studentessa venezuelana 16enne riceverà 100 dollari americani in cambio dei suoi capelli, soldi che userà per aiutare la sua famiglia e comprare un cellulare, in un momento in cui il forte declino economico del Paese porta a carenze di cibo e medicine.

Un numero crescente di donne nei quartieri poveri sta vendendo i propri capelli, che verranno utilizzati per creare parrucche ed "extension", poiché le esigenze della sopravvivenza quotidiana le costringono a tralasciare la cura di sé a beneficio delle impellenti necessità.

Alcune di esse si lavano i capelli col detersivo per piatti, perché non possono permettersi di comprare uno shampoo, che costa più del salario minimo mensile, ora equivalente a pochi dollari a causa della dilagante inflazione.

Nonostante il suo sacrificio, la ragazza, che si mantiene agli studi vendendo braccialetti, sogna di diventare Miss Venezuela, magari quando i suoi capelli ricresceranno.

Con informazione Sky e Euronews

Read 493 times Last modified on Martedì, 23 Aprile 2019 15:45

Utenti Online

Abbiamo 1324 visitatori e nessun utente online