ANNO XIII  Aprile 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 30 Settembre 2016 00:00

Fico. Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Giovanni 1,47-51.

Written by 
Rate this item
(0 votes)

In quel tempo, Gesù, visto Natanaèle che gli veniva incontro, disse di lui: «Ecco davvero un Israelita in cui non c'è falsità». 
Natanaèle gli domandò: «Come mi conosci?». Gli rispose Gesù: «Prima che Filippo ti chiamasse, io ti ho visto quando eri sotto il fico». 


Gli replicò Natanaèle: «Rabbì, tu sei il Figlio di Dio, tu sei il re d'Israele!». 
Gli rispose Gesù: «Perché ti ho detto che ti avevo visto sotto il fico, credi? Vedrai cose maggiori di queste!». 
Poi gli disse: «In verità, in verità vi dico: vedrete il cielo aperto e gli angeli di Dio salire e scendere sul Figlio dell'uomo». 

Natanaèle, l’israelita senza falsità, riconosciuto da Gesù sul fico, fico, zum. hi-ku, ‘distinguo la connessione/fusione’, propone la sillabazione na.ta.an + ele, dove nel primo elemento possiamo riconoscere la ‘naturata della generazionena del cieloan e nel secondo ‘il circolo di Dio ele di El’ pari a Lil di Il.

Il plurale fichi, ficus, fici…pl.: fici, zum. hi-ki, ‘fusionehi di terraki’ esprime con chiarezza gli altri ‘uomini di terra falsi’ dai quali Natanaèle vien distinto.

La festa degli Arcangeli, mantenuta oggi29.09 dalla Chiesa, è utile per ricordare la connessione al Cielo, coelo lat., ku.el.u zum., ‘distinguoku Dioel in tuttou’.

Se riconoscere il fico è poco, per me è già abbastanza, riconoscere gli angeli salire e scendere sul Figlio dell’uomo si può fare se si sta con GESH.UB, ‘Alberogesh del Cieloub’. 

Qua, io volevo giungere, a Bologna, Bononia, Felsina etr. –capitale delle dodici città etrusche-, deriv. da Boulogne sur Mer detta bononiense oppidum, città dei galli Buoi, bos, bovis lat. boue abl..

Bos è crasi < bu-us, ‘cielo-fine’. Il bue è il toro castrato, tauro, zum. ta-uru, ‘natura dell’uro. Uro è il bos primigenius

Read 871 times

Utenti Online

Abbiamo 1237 visitatori e nessun utente online