ANNO XIV Agosto 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 22 Novembre 2016 09:59

Musica, Maroni, «rock divenga patrimonio Umanità Unesco»

Written by 
Rate this item
(0 votes)

"Il 'Rock'n'roll' deve diventare patrimonio dell'umanità. La Lombardia è la regione italiana che vanta il maggior numero di siti riconosciuti dall'Unesco, Varese è la città che ne ospita di più, ben quattro. Sono orgoglioso che parta da qui, dalla mia città, questa richiesta".

Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, ha partecipato allo storico caffè Zamberletti nel centro della 'Città Giardino', all'incontro 'Rock'n'roll bene comune e patrimonio dell'umanità' organizzato dal comitato 'Movimento D'Anca' nato un anno fa per far riconoscere il Rock'n'roll come bene comune e patrimonio dell'umanità tutelato dall'Unesco.

POSSIBILITÀ CONCRETA - Il governatore, ha ricordato che "l'Unesco ha già riconosciuto alcuni generi musicali, fra i quali, il Tango. Il riconoscimento del Rock'n'roll, è un obiettivo possibile. È naturale che parta dalla nostra Regione, che in Italia è quella che ospita il maggior numero di siti patrimonio dell'Umanità, questa iniziativa. Anzi, domani vedrò il ministro Franceschini e ne approfitterò per chiedergli che l'Italia porti avanti questa richiesta".

L'IMPEGNO DELLA REGIONE - Una richiesta che la Lombardia, ha assicurato Maroni, "è pronta a sostenere". Un impegno testimoniato, dal grande lavoro fatto dalla Regione per la valorizzazione dei siti Unesco. Oltre ad aver sottoscritto intese per la predisposizione dei piani di gestione dei siti, sono stati finanziati interventi di conservazione e restauro dei beni, adeguamenti strutturali per il miglioramento della loro fruizione e accessibilità; interventi di promozione e valorizzazione del patrimonio; la realizzazione di materiale multimediale e il sostegno alla produzione di documentari; la promozione di studi e ricerche finalizzati alla scelta delle migliori modalità di gestione dei siti e l'organizzazione di mostre ed eventi a tema.

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 927 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1024 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa