ANNO XIV Aprile 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 25 Novembre 2016 09:36

Rovigo - Festival Ande, Bali e Cante Strumenti ad Ancia libera nei rituali della tradizione popolare

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Il periodo natalizio - 9-10 dicembre -  sarà arricchito dal Festival “Ande, Bali e Cante”. Torna con la XV edizione un evento divenuto ormai tradizionale per la nostra città, ma con la novità che quest'anno si terrà il 9 e 10 dicembre, in perfetto clima pre-feste di Natale.


“Siamo felici – ha detto l'assessore agli Eventi Luigi Paulon, durante la conferenza stampa di presentazione tenutasi oggi a palazzo Nodari -, di ospitare questa nuova edizione del Festival, particolarmente arricchita. Cade in un momento  florido e di grande crescita culturale della nostra città. Sarà sicuramente un valore aggiunto importante al mix ludico-culturale in programma per il mese dicembre”.
Mario Cavriani presidente della Minelliana che organizza il Festival, ha ricordato  la storia dell'associazione, nata 49 anni fa con il principale obiettivo di editrice, la produzione editoriale supera oggi le 200 pubblicazioni ed è riconosciuta e apprezzata in ambito regionale, in Italia e all’estero. Ma negli anni tante iniziative sono state portate avanti come: convegni, mostre, concerti, festival di musica e cultura popolare, rievocazioni storiche, attività didattica, di ricerca e di catalogazione dei beni culturali,  con interventi rivolti alla salvaguardia e valorizzazione del passato storico, sociale e politico del territorio, delle tradizioni popolari e del patrimonio artistico, etnomusicologico, ambientale e architettonico.
Ande, Bali e Cante è uno dei punti di forza dell'associazione che da sempre organizza il festival, sotto la direttiva della Regione Veneto con il contributo della Fondazione Cariparo e patrocinio di Comune e Provincia di Rovigo.


I dettagli del festival sono stati illustrati dal direttore artistico Roberto Tombesi affiancato dal musicista Walter Sigolo.
Il tema di quest'anno è interamente dedicato al suono, alle ande e agli strumenti ad ancia libera (fisarmoniche, organetti, armoniche a bocca, bandoneon, conertine, armonium e melodiche).
Strumenti, come ha spiegato Tombesi, nati con la rivoluzione industriale e perfezionati a metà '800. “Abbiamo pensato a dei filò-concerti, dove tutti i musicisti racconteranno un po' la loro storia e l'origine dello strumento”.


Durante la due giorni sono previsti, incontri, concerti, aperitivo, mostre  e festa con ballo, con ospite d'onore il giornalista e scrittore Gian Antonio Stella alle 17 di venerdì 9 dicembre al Teatro Duomo.
In allegato il programma completo.

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 1096 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 784 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa