ANNO XIV Ottobre 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 24 Luglio 2015 01:25

Centro Jean Paul II a Bangui

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Consegnati i diplomi a 29 nuovi insegnanti. Dal 2011 nell’unica Scuola di formazione del Centrafrica si sono abilitati 91 docenti: il 78% lavora.

 

Milano – Nonostante la guerra, ce l’hanno fatta. Ventinove studenti frequentanti la scuola di formazione per insegnanti Jean Paul II hanno ricevuto il diploma a conclusione del biennio e potranno prestare servizio nelle scuole del Centrafrica, dove il personale docente è insufficiente e le classi in sovrannumero, applicando un metodo pedagogico di altissimo livello. Fondata nel 2011 su impulso della Associazione Amici per il Centrafrica, la scuola di formazione Jean Paul II a Bangui è l'unica valida opportunità di formazione per insegnanti in tutto il Centrafrica. Ha da poco ricevuto il riconoscimento formale da parte del Governo dopo la visita ufficiale del Ministro dell’Istruzione. 

Ogni anno 40 studenti, tra i 18 e i 35 anni con diploma di scuola media superiore, devono superare tre prove scritte e un colloquio psicoattitudinale per poter essere ammessi al percorso di formazione della durata di due anni. Grazie alle conoscenze acquisite e agli strumenti messi a disposizione i diplomati entrano nel mondo del lavoro dopo uno stage formativo nelle scuole private di Bangui. Al termine dei due anni di corso, l’allievo-insegnante deve dare prova di saper gestire situazioni problematiche utilizzando le conoscenze acquisite e utilizzando gli strumenti pedagogico-didattici messi a sua disposizione per l’insegnamento delle diverse discipline.

“Il Centro è la nostra risposta alla richiesta di formazione e alla disoccupazione”, dichiara Fulgence Konè, responsabile della formazione per il Centro; “71 studenti su 91 diplomati finora, ossia il 78% del totale, hanno già un posto di lavoro. I nostri docenti sono molto richiesti poiché viene riconosciuta la loro formazione speciale, non solo come competenza nelle materie in sé ma anche e soprattutto per l’impostazione pedagogica di stampo ‘europeo’ applicata ai parametri locali di cui si tiene conto al fine di non imporre alcunché di estraneo ma di elevare l’insegnamento a livelli pedagogici sempre più alti. La nostra scuola forma persone che sanno educare altre persone a essere migliori: questo è il senso concreto del progresso che vogliamo costruire”.

Questo traguardo non sarebbe stato possibile senza l’Association Espérance pour la Formation en Centrafrique e le sei congregazioni che insieme ad Amici per il Centrafrica la compongono (Sœurs de Saint Paul de Chartres, Sainte Famille, Missionnaires du Saint Esprit, Filles du Sacré Cœur de Jésus, Missionnaires Comboniennes,  Providence de Rouen).

L’associazione “Amici per il Centrafrica” nasce nel 2001 dall’esperienza di alcuni volontari nella Repubblica Centrafricana presso la missione cattolica di Zomea gestita dalle suore comboniane. Finora sono state costruite e sostenute 15 scuole - dando istruzione a migliaia di bambini - edificati due dispensari, due centri sanitari, un centro di riabilitazione per portatori di handicap e un centro odontoiatrico. Per lo sviluppo dell’agricoltura “Amici per il Centrafrica” ha contribuito all’avvio di 400 cooperative con oltre 14mila coltivatori che ogni anno sono presenti nella Fiera Agricola Nazionale a Bozoum unica in tutto il Centrafrica, valida opportunità per incentivare il commercio dei raccolti. È possibile destinare il 5 per mille della dichiarazione dei redditi ai progetti di “Amici per il Centrafrica” onlus. Il codice fiscale è 95069680130.

Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Read 429 times

Utenti Online

Abbiamo 1225 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine