ANNO XIV Novembre 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 13 Gennaio 2017 11:38

Fiat-Chrysler accusata negli Usa di aver truccato motori diesel Borsa: oltre 5%

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Fca rimbalza in Borsa e guadagna oltre il 5% a 9,4 euro una volta entrata negli scambi. Dopo il tonfo in chiusura di ieri (-16% a fine seduta) a seguito delle accuse dell'Epa sulle emissioni inquinanti, il titolo accelera subito a Piazza Affari insieme a Exor (+5,5%).

Secondo l'agenzia americana per la protezione ambientale, Fiat Chrysler avrebbe installato e non comunicato su alcuni veicoli software di gestione delle emissioni inquinanti. Una violazione di tipo amministrativo, non assimilabile a quella che ha travolto Volkswagen con il Dieselgate.

La replica di Fca è arrivata dopo la chiusura di Borsa: "I veicoli diesel della società rispettano tutte le normative applicabili".

Circa 104.000 motori diesel truccati. È l’accusa dell’agenzia per la protezione ambientale statunitense (Epa) nei confronti di Fiat-Chrysler. Il software che consente emissioni sopra i limiti sarebbe stato installato su veicoli Grand Cherokee e Dodge Ram.

La notizia ha fatto crollare il titolo a Piazza Affari dove ha perso circa il 16%. Il Ftse Mib ha chiuso in calo dell’1,7%. Il titolo di Fiat Chrysler è affondato anche a Wall Street.

La violazione delle norme sulle emissioni potrebbe costare a Fca una multa di oltre quattro miliardi di dollari.

Fiat Us si è difesa affermando che i propri sistemi di controllo delle emissioni rispettano le normative applicabili.

“Non c‘è nulla in comune fra il caso Volkswagen e quello Fca”, ha affermato l’amministratore delegato di Fca, Sergio Marchionne – dialoghiamo con l’Epa da più di un anno’‘.

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 892 times

Utenti Online

Abbiamo 975 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine