ANNO XIII  Agosto 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 08 Febbraio 2017 16:09

Il Welfare negli atti del Comune di Torino, conti da risparmiare, emergenza sfratti, mercato da regolamentare e iniziative per i giovani

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Il comune di Torino è impegnato a fare i conti con le risorse proprie da risparmiare. Ieri è stata approvata una mozione una mozione, proposta da Monica Amore e altri 19 consiglieri e consigliere del M5S, che impegna l’Amministrazione comunale a censire ed analizzare tutti i contratti di locazione stipulati dalla Città per locali nei quali ospitare propri uffici o magazzini. 

Lo scopo, precisa il provvedimento, è quello di verificare se questi contratti siano ancora necessari e se sia possibile, nei casi in cui non lo siano, programmarne la cessazione, con lo spostamento delle attività in locali di proprietà comunale. Questo, al fine di ridurre le spese correnti e ottimizzare l’utilizzo del patrimonio immobiliare comunale.

Dello stesso tenore è anche lo sguardo agli sfratti presenti in città Quasi tre milioni di euro (due milioni e 983mila euro per l’esattezza) per contribuire a fronteggiare l’emergenza sfratti in città: risorse finanziarie messe a disposizione del capoluogo piemontese dal “Fondo inquilini morosi incolpevoli” che, complessivamente e per tutto il Piemonte, assegna 7 milioni e 260 euro ai comuni ad alta tensione abitativa e con più di 15mila abitanti.
Questa mattina l’esecutivo di Palazzo Civico - su proposta dell’assessora al Welfare e alla Casa, Sonia Schellino – ha approvato la delibera con cui la Città di Torino aderisce all’avviso pubblico per la richiesta del contributo regionale (la domanda è un passaggio amministrativo obbligatorio per ottenere lo stanziamento, seppure già definito nella sua entità) destinato a finanziare quelle misure adottate per aiutare le famiglie che, per la perdita o la consistente riduzione del proprio reddito, non sono più state in grado di pagare il canone di locazione della propria abitazione e per le quali è stata già avviata una procedura di sfratto per morosità, ovviamente incolpevole.
A poter usufruire di contributi per il sostegno alla locazione, attraverso lo strumento del “Fondo Salvasfratti” e la stipula di contratti a canone concordato mediante l’intermediazione dell’agenzia comunale Lo.Ca.Re., sono le famiglie con cittadinanza italiana (o di uno dei Paesi dell’Unione europea) oppure con regolare permesso di soggiorno, che abbiano un reddito Isee da regolare attività lavorativa non superiore ai 26mila euro, che siano già destinatarie di un atto di intimazione di sfratto per morosità, titolari di un contratto di locazione regolarmente registrato e residenti nell’alloggio oggetto della procedura di sfratto da almeno un anno. Spetta inoltre agli uffici comunali verificare che i richiedenti non siano proprietari o usufruttuari di abitazioni in provincia di Torino.
Per l’assegnazione del contributo, tra i criteri preferenziali, vi è la presenza all’interno del nucleo familiare di almeno un componente ultrasettantenne o di un figlio minore, oppure di una persona con invalidità accertata per almeno il 74%, oppure ancora di un membro del nucleo in carico ai servizi sociali o alle Asl per progetti assistenziali individuali.
L’importo massimo del contributo concedibile ad ogni famiglia per sanare la morosità incolpevole accertata non può essere superiore ai 12mila euro.
Nel 2016 sono state 136 le famiglie torinesi che, proprio grazie alle risorse del Fondo Salvasfratti, non sono state costrette a lasciare la propria casa. A proposito di risposte ai bisogni abitativi, l’anno passato sono stati 380 i contratti di locazione convenzionati sottoscritti mediante l’intermediazione dell’agenzia Lo.Ca.Re. . (mge)

MERCATO DI LIBERO SCAMBIO: IL TRASLOCO AVVERRÀ DOPO L’APPROVAZIONE DEL NUOVO REGOLAMENTO

Nessun trasloco del mercato di libero scambio avverrà prima della stesura del nuovo regolamento, la cui approvazione è prevista entro un mese.

L’Amministrazione comunale ha stabilito di accelerare le tappe della redazione del nuovo testo che recepirà le osservazioni espresse da tutti gli interlocutori.

“L’obiettivo della Città è quello di trovare la formula corretta che permetta di gestire nel migliore dei modi l'attività del mercato. Per questa ragione stiamo lavorando, a tappe forzate, per recepire le proposte scaturite dagli incontri con le cittadine e i cittadini, con le operatrici e gli operatori e dall’analisi svolta dagli uffici comunali”, dichiara Marco Giusta, assessore alle Pari opportunità, sottolineando che “con il nuovo regolamento si intendono assicurare regole chiare e condivise e massima attenzione alla legalità”.

Il trasloco del mercato nei nuovi spazi avverrà dunque a regolamento definitivamente approvato, per garantire l’immediata organizzazione e l’adeguamento dell’area alle norme che renderanno più agevoli le attività di gestione e controllo.
(mm)

PAGELLA NON SOLO ROCK, PROROGATO AL 18 FEBBRAIO IL TERMINE PER LE ISCRIZIONI

È stato prorogato a sabato 18 febbraio il termine per iscriversi a Pagella Non Solo Rock. L’evento, che è una grande opportunità per i giovani musicisti, è un concorso aperto a gruppi musicali che propongono brani propri di qualsiasi genere. I componenti non devono aver compiuto i 23 anni d’età all’atto dell’iscrizione e almeno un musicista deve frequentare le scuole superiori di Torino o Città Metropolitana.

La sezione Fuori Concorso è dedicata alle esibizioni di solisti e ai gruppi che propongono Cover / Tribute Band / Classica composti da ragazzi/e under 23 non necessariamente frequentanti le scuole superiori (ad es. universitari, lavoratori). Sono escluse le band che hanno vinto un’edizione precedente di Pagella Non Solo Rock.

L'iscrizione a Pagella Non Solo Rock 2017 è gratuita e avviene con la compilazione del modulo scaricabile da www.comune.torino.it/infogio/pagerock/regolamento.htm

Il modulo d'iscrizione compilato e firmato deve essere inviato con e-mail entro sabato 18 febbraio Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

Da marzo a maggio si svolgeranno i concerti di selezione presso alcuni locali di Torino; l’elenco dei locali e delle date sarà al più presto disponibile su www.comune.torino.it/infogio/pagerock. Le performance live avranno ciascuna una durata massima di 20 minuti.

La Giuria, composta da musicisti, critici ed esperti del settore, selezionerà i migliori 5 gruppi che accederanno alla FINALE che si volgerà entro la fine di maggio a cui si aggiungerà la band più votata dal pubblico.
I concorrenti della sezione Fuori Concorso si esibiranno alle stesse condizioni dei gruppi in concorso e saranno inseriti in una apposita graduatoria e il primo classificato potrà esibirsi nuovamente durante la serata conclusiva.


Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 1010 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1080 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa