ANNO XIV Luglio 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Lunedì, 27 Febbraio 2017 00:00

Cile, la rivoluzione a suon di ferri di calza

Written by 
Rate this item
(0 votes)

ROMA – E’ possibile ragionare sul significato dell’essere uomo oggi, e combattere al tempo stesso per i diritti delle donne, per una società più egualitaria? Secondo Claudio Castillio – artista cileno che oggi vive in Germania – la risposta è sì, grazie a un’attività molto particolare: il lavoro a maglia.

Dalla sua idea è nato Hombres Tejedores, un movimento urbano che da meno di un anno coinvolge uomini tra i 25 e i 40 anni. Armati di giacca, cravatta e ferri da calza, si danno appuntamento per fare la maglia. I fili di lana colorata passano tra le loro dita, e nel silenzio di questa attività che apparteneva alle nonne, cercano di ribaltare gli stereotipi di genere. “Proviamo a trasformare questa società maschilista e patriarcale, che non mi piace assolutamente”, racconta alla DIRE uno dei suoi membri, Ricardo Higuera.

“Sin da ragazzino avevo il desiderio di imparare l’arte del lavoro a maglia” confessa Ricardo, che di mestiere fa il giornalista a Santiago, e ha deciso di avvicinarsi a questo movimento per riempire il tempo libero ma anche per senso civico.

Da cosa nasce il bisogno di lanciare un messaggio così originale? “La società cilena – spiega Ricardo – è molto maschilista e legata al patriarcato. Come ovunque nel mondo, le donne soffrono il fatto di non essere considerate uguali agli uomini e subiscono diverse violazioni dei loro diritti”. Per questa ragione, prosegue, “in Cile la società deve cambiare: deve diventare più inclusiva, più rispettosa delle differenze e degli orientamenti sessuali della gente, riconoscendone prima di tutto il valore in quanto persone”.

E la vostra iniziativa sta avendo successo? “Sì, la gente sta rispondendo positivamente – dichiara entusiasta questo ‘hombre tejedore’ – sia quando ci riuniamo nelle strade che quando partecipiamo a eventi pubblici oppure diamo lezioni. Anche sui social network ci seguono in molti. Per questo sentiamo di essere sulla buona strada: il nostro messaggio sta arrivando in tutto il mondo”. Ma per Ricardo ancora non basta: “vogliamo arrivare dappertutto. D’altronde tutte le società ovunque nel globo dovrebbero consentire sia agli uomini che alle donne l’accesso agli stessi diritti, in modo paritario e amichevole”, il suo sogno.

E intanto dalle mani di questi giovanotti escono sciarpe, coperte, cappelli di lana colorati, che rivendicano un mondo in cui a fare la differenza non è il genere sessuale ma il motivo alla base delle scelte e delle azioni.

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 1015 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1214 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa