ANNO XV Gennaio 2021.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 03 Marzo 2017 04:19

L’ombra di madre Russia sull’elezione di Trump

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Giovedì, ovvero ieri, il presidente Donald Trump dichiara al procuratore generale che Jeff Sessions non ha fatto dichiarazioni fuorvianti sotto giuramento, durante le sue udienze di conferma, ma avrebbe potuto essere più preciso nelle sue risposte ai legislatori.

"Jeff Sessions è un uomo onesto. Non ha detto nulla di male. Avrebbe potuto esprimersi in modo più preciso, ma non era chiaramente intenzionale", ha riferito Trump. "L'intera narrazione è un marchiano modo per salvare la faccia per i Democratici che perdono un'elezione, che tutti pensavano che avrebbero dovuto vincere. I Democratici hanno perso le elezioni e ora, hanno perso la loro presa sulla realtà. La vera storia di tutte le fughe illegali, classificate e altre informazioni, sono una vera caccia alle streghe! "  

Non è la prima pedina che vacilla, il punto è legato a quegli incontri pre-elettorali con l'ambasciatore russo a Washington, in un momento in cui Mosca fu accusata di interferire nella corsa presidenziale.

"Ho deciso di ricusare me stesso da eventuali indagini esistenti o future su tutte le questioni connesse in alcun modo alle campagne per il presidente degli Stati Uniti", ha detto ai giornalisti Sessions, per evitare qualsiasi parvenza di conflitto di interessi tra il suo nuovo ruolo e la posizione precedente, come un forte sostenitore di Trump.

I Democratici, intanto, hanno chiesto le dimissioni e lo hanno accusato di mentire al Congresso. Molti repubblicani, sentendo il crescente calore politico sono sempre più preoccupati che il dramma russo possa finire fuori controllo ed esprimono mal di pancia

Se non altro, l'intrigo di ieri è servito a mettere in chiaro che l'atteggiamento di Trump nei confronti di Mosca e l’apparente funzione del Cremlino di seminare discordia nelle elezioni dello scorso anno, sono questioni che torneranno ancora a confondere la Casa Bianca.

A bordo di una portaerei in Virginia, Trump ha detto ai giornalisti che aveva fiducia "totale" in Jeff. Alla domanda se dovesse ricusare se stesso, il Presidente ha detto: "Io non la penso così." 

In ogni caso questa storia ha finito per fermare il giro trionfale del presidente per gustare la vittoria dopo il suo discorso ben accolto al Congresso nella notte di martedì. Il tema della grande madre Russia rischia di portargli via un altro alleato come l'ex consigliere per la sicurezza nazionale, Michael Flynn – anche lui coinvolto nei contatti con l'ambasciatore russo Kislyak.

I Democratici all’attacco, “ha mentito al popolo sotto giuramento, questo è motivo sufficiente per dimettersi – afferma ai giornalisti la leader della minoranza Nancy Pelosi: “"Egli ha dimostrato che è squalificato e inadatto a servire in quella posizione di fiducia."

Diversi repubblicani, molti dei quali sempre più a disagio per le implicazioni dell’evoluzione dell’affaire russo, avevano invitato Jeff Session di ricusare se stesso da qualsiasi sonda nel legame tra la campagna Trump e Mosca.

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 962 times

Utenti Online

Abbiamo 1228 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine