ANNO XI  Maggio 2017.  Direttore Umberto Calabrese

 

Venerdì, 21 Aprile 2017 00:00

Scrivere con il pensiero e le altre novità che Facebook sta preparando

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Nel futuro di Facebook c'è il pensiero trasmesso direttamente sullo schermo, senza passare per le dita e la tastiera. Un flusso di coscienza - non casuale, assicura Zuckerberg - che permetterà di condividere online quello che ci passa per la testa senza doverlo digitare. E' il fulcro - e il più inquietante - di Building 8, uno dei progetti presentati nelle due giornate di incontri in cui Facebook ha incontrato aziende e sviluppatori per immaginare il futuro prossimo venturo.

Che cosa è Building 8

Building 8 è il team di sviluppo e ricerca di Facebook che si occupa della creazione di nuovi prodotti consumer, prima di tutto social, che saranno alimentati da un innovativo motore di innovazione che dovrebbe permettere alle persone di scrivere attraverso il proprio cervello. L’obiettivo di creare un sistema di silent speech in grado di digitare 100 parole al minuto direttamente dal proprio cervello – cioè 5 volte più veloce di quanto si possa digitare da uno smartphone. Ma non si tratta di decodificare pensieri casuali, ma, tra molti pensieri, condividerne solo alcuni.

Si tratta di decodificare quelle parole che si è già deciso di condividere inviandole allo ‘speech center’ del cervello. È un modo per comunicare con la velocità a la flessibilità della voce e, allo stesso tempo, la privacy del testo. L'idea è di farlo con sensori non invasivi e indossabili che possono essere fabbricati in scala. A questo progetto se ne accompagna un altro: permettere alle persone di sentire attraverso la loro pelle. per questo Facebook è al lavoro su hardware e software necessari per fornire il linguaggio attraverso la pelle. 

Cosa ha in mente Zuckerberg

A conclusione di F8 2017, l'evento che si tiene ogni anno, ecco cosa dobbiamo aspettarci, a partire dalle tre tecnologie fondamentali per i prossimi 10 anni in cui Mark Zuckerberg ha deciso di investire:

  1. Connettività
  2. Intelligenza artificiale
  3. Realtà virtuale.

Connettività

Invece di andare in cerca di una soluzione universale per la connettività, Facebook sta investendo nella costruzione di una strategia a ‘mattoni’ – realizzando diverse tecnologie per casi specifici, le quali vengono poi utilizzate tutte insieme per creare un network flessibile ed estensibile. Per gli appassionati del genere, il team tecnologico di Facebook ha impostato tre nuovi record nel trasferimento di dati wireless: 36 gigabits al secondo su 13 chilometri da punto a punto utilizzando la tecnologia millimiter-wave (MMW); 80 gigabits al secondo tra questi stessi punti utilizzando la tecnologia optical cross-link; e 16 gigabits al secondo da una postazione a terra ad un velivolo Cessna a più di 7 chilometri utilizzando la MMW. Ma la vera novità è Tether-tenna, un piccolo elicottero legato a un filo contenente fibra ed energia può essere immediatamente impiegato per riportare connettività in caso di emergenza.

Intelligenza artificiale

L’intelligenza artificiale ha rivoluzionato l’abilità dei computer di analizzare immagini e video. Cinque anni fa i computer vedevano le immagini solo come una serie di numeri, senza nessun particolare significato. Ora i computer possono comprendere ogni singolo pixel di un’immagine e Facebook sta lavorando a una fotocamera su Facebook, Instagram e Messenger capace di analizzare l’ambiente, riconoscere le persone, i luoghi e gli oggetti. 

Realtà virtuale

Facebook sta investendo nella realtà virtuale su hardware, software e contenuti PC e mobile – da Oculus Rift e il Gear VR ai Facebook Spaces. La fotocamera Surround 360 che consente alle persone di produrre video di alta qualità per la realtà virtuale. La nuova Surround 360 permette di spostarsi all’interno della scena video e di sperimentare i contenuti da diverse angolazioni di visualizzazione. Questo significa che spostando la testa nel mondo virtuale si potrà vedere da diverse angolazioni, provando la sensazione di un’immersione profonda e ad un livello totalmente nuovo.

Realtà aumentata

La realtà  aumentata apparirà come un vetro trasparente in grado di trasmettere immagini virtuali sovrapposte al mondo reale. Durante la prima giornata di F8, Mark Zuckerberg ha parlato di come la fotocamera sia la prima piattaforma di realtà aumentata. Il responsabile scientifico di Oculus Research, Michael Abrash, ha parlato della nascita  del computing virtuale – che comprende sia realtà virtuale che realtà aumentata – come prossima grande ondata dopo il personal computing. Il computing virtuale si sta ancora formando, ma ci darà la capacità di trascendere tempo e spazio per connetterci tra noi. L’insieme delle tecnologie necessarie per raggiungere la piena realtà aumentata non esiste ancora. Questo è un investimento della durata di decenni e richiederà grandi processi nella scienza dei materiali, nella percezione, nella grafica e in molte altre aree. (agi)

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 214 times

Le Vignette di Silvio Mignano

Roma - Juventus 3:1

Utenti Online

Abbiamo 1520 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine