ANNO XIII  Agosto 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Domenica, 11 Giugno 2017 17:13

On Fabio Porta cittadinanza"presto ai consolati le risorse per eliminare le lunghe attese" presentata interpellanza urgente al MEF

Written by 
Rate this item
(0 votes)
On Fabio Porta deputato Pd eletto in Sud America. con Sergio Mattarella  Presidente della Repubblica italiana On Fabio Porta deputato Pd eletto in Sud America. con Sergio Mattarella Presidente della Repubblica italiana

Presentata dall'on. Fabio Porta parlamentare eletto nelle file del PD dalla Circoscrizione Estero in Sud America una interpellanza urgente al MEF.

"Con questa interpellanza urgente ho chiesto al Ministro dell'Economia di riferire nei prossimi giorni in aula circa il trasferimento ai consolati delle risorse che grazie ad un mio emendamento sono già state approvate nella legge di bilancio del 2017: si tratta - ha spiegato ad ITALIANNETWORK /ITALIALAVOROTV - di 4 milioni di euro che saranno distribuiti ai consolati per contrattare personale locale in grado di lavorare per l'eliminazione delle lunghe attese per le domande di cittadinanza 'ius sanguinis'.
Un risultato importante e concreto, ottenuto anche grazie alla petizione on-line consegnata all'allora Presidente del Consiglio Matteo Renzi." ha proseguito L'on. Porta. " Con questo atto parlamentare il tema-cittadinanza arriva nell'aula di Montecitorio e spero di sbloccare questi fondi, che nelle prossime settimane devono essere trasferiti ai consolati, in particolare a quelli dove maggiore è il problema delle cosiddette "fila".

Di seguito il testo dell'interpellanza urgente, firmata anche dagli on.li Farina, Fedi, Garavini, La Marca, Tacconi

Al Ministro dell’economia e delle finanze.
Per sapere
Premesso che:

- la legge di Bilancio 2017, all’art. 61, comma 4-bis, ha stabilito che a partire dall’anno 2017 sia riassegnato il 30 per cento dei versamenti effettuati per la domanda di riconoscimento di cittadinanza italiana (pari a 300 euro) allo stato di previsione della spesa dell'esercizio in corso del Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale. Tali risorse devono essere trasferite agli uffici dei consolati di ciascuna Circoscrizione consolare che hanno operato la percezione del predetto contributo, in proporzione delle percezioni realizzate. Tali somme sono destinate al rafforzamento dei servizi consolari per i cittadini italiani residenti o presenti all'estero, con priorità per la contrattualizzazione di personale locale da adibire, sotto le direttive e il controllo dei funzionari consolari, allo smaltimento dell'arretrato riguardante le pratiche di cittadinanza presentate presso i medesimi uffici consolari;

- tale misura si è resa necessaria per fronteggiare le gravi difficoltà di accesso ai servizi consolari che incontrano i nostri connazionali e chiunque voglia usufruire di tali servizi, soprattutto nei paesi del Sud America dove i tempi di attesa degli appuntamenti e del trattamento delle pratiche si sono allungati al punto da vanificare in molti casi il diritto ad ottenere in tempi ragionevoli una risposta da parte della pubblica amministrazione;

- nel corso del 2016, a testimonianza della situazione di disagio degli utenti, è stata presentata ad esponenti di Governo una petizione sottoscritta da diverse migliaia di concittadini nella quale si chiedeva di operare un intervento specifico e mirato al fine di frenare la sirale di delle ormai insostenibili attese e di superare la situazione di emergenza che si è determinata. Altre iniziative di sollecitazione e protesta si sono succedute nei mesi successivi;

- il meccanismo di riassegnazione prima al MAECI e poi ai Consolati delle percezioni del tributo collegato alle domande di riconoscimento di cittadinanza è complesso e tale da proiettare nel tempo i suoi effetti, in quanto la rendicontazione delle percezioni da parte dei Consolati avviene, per ogni cadenza trimestrale, a distanza di due mesi dalla scadenza del trimestre, dopodiché è necessario attendere i tempi di assegnazione da parte del MEF al MAECI.

Quali misure il Ministro interrogato pensa di potere adottare al fine di accelerare i tempi di assegnazione al MAECI delle risorse previste dalla legge di Bilancio e in quali tempi lo stesso Ministero degli esteri ne potrà disporre in modo che gli stessi Consolati possano effettivamente utilizzare tali risorse al fine di fronteggiare una situazione di emergenza non più sostenibile. (09/06/2017-ITL/ITNET)

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 873 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 930 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa