ANNO XIV Luglio 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Domenica, 09 Agosto 2015 00:00

Riacquisto cittadinanza italiana, l'On. Fucsia Nissoli lancia una raccolta firme sul web

Written by 
Rate this item
(1 Vote)

Roma - L'onorevole Fucsia Nissoli, deputata italo-americana eletta nel collegio America del Nord (Gruppo Per l'Italia) visti i tempi biblici con i quali spesso le leggi considerate meno importanti giungono in approvazione in aula, ha ben pensato di lanciare via internet una petizione internazionale con raccolta di firme online per la veloce approvazione della sua legge per il riottenimento della cittadinanza italiana.

Una raccolta di firme tramite il sito specializzato Change.org da girare al presidente della Camera Laura Boldrini, più sensibile alle problematiche degli immigrati che a quelli degli emigrati, categoria di migranti tornata in Italia a essere preminente. "La proposta di legge che ho presentato in Parlamento - scrive la Nissoli nel sito - reca: 'Modifica all'articolo 17 della legge 5 febbraio 1992, numero 91, in materia di riacquisto della cittadinanza da parte dei soggetti nati in Italia da almeno un genitore italiano, che l'hanno perduta a seguito di espatrio'.Con questa proposta di legge s'intende venire incontro alle aspettative di quegli italiani che vivono all’estero e che hanno perso la cittadinanza ma che vogliono riacquistarla in seguito a mutamenti avvenuti nei vari ordinamenti giuridici. Se questa proposta di legge verrà approvata, gli italiani all'estero che hanno perso la cittadinanza una volta andati via dalla Madrepatria potranno riacquistarla con una semplice dichiarazione al Consolato competente territorialmente, cioè senza un anno di residenza legale nel territorio nazionale italiano. Ci sono molte persone nella nostra Comunità che sono nate in Italia, parlano italiano, hanno frequentato le scuole in Italia, conservano proprietà o hanno addirittura fatto il servizio militare e hanno perso la cittadinanza italiana. Questa proposta di Legge - prosegue - vuole riconoscere sul piano giuridico una situazione di fatto, cioè un’identità italiana che non è mai venuta meno, colmando una lacuna legislativa per dare veste giuridica a una cittadinanza che è già viva nei cuori. L'augurio è che con il vostro aiuto il Parlamento sarà ancora più consapevole di questo problema, e procederà presto a mettere nell'agenda dei lavori tale proposta di legge e ad approvarla. Un grazie di cuore a tutti quelli che vorranno essere solidali con questa proposta firmando la petizione". Quindi tutti gli italiani di fatto ma non più di passaporto e tutti colo che sono d'accordo con questa giusta riforma, sono invitati a formare la petizione su Charge.org. (ilmondo.tv)

Read 855 times Last modified on Sabato, 08 Agosto 2015 23:57

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1005 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa