ANNO XVI Giugno 2022.  Direttore Umberto Calabrese

Lunedì, 24 Luglio 2017 00:00

Conte «Ho pensato di lasciare il Chelsea»

Written by 
Rate this item
(0 votes)

"Dopo una dura stagione, è molto importante guardarsi indietro, vedere la stagione e poi riflettere molto bene. Era molto importante per me perché era la mia prima stagione in Inghilterra, un nuovo paese senza la mia famiglia, ed era importante capire la mia situazione sotto tutti gli aspetti.

Certo, sono stato felice della stagione in Inghilterra e con il Chelsea. Ma devo essere onesto, è stato molto difficile per me e per la mia famiglia. A volte, quando vinci, pensi che tutto sia facile, ma non è stato così". Il tecnico del Chelsea, Antonio Conte, parla così della stagione vissuta a Londra con la vittoria del titolo in una intervista al Mail on Sunday e dell'ipotesi di lasciare il club di Abramovich dopo la vittoria dello scudetto per lo stress di una stagione pesante, la stanchezza, l'assenza della famiglia e anche qualche 'sgarbo' di mercato.

"Ora ho deciso con il club di continuare il nostro cammino. Abbiamo trovato la giusta visione del futuro. Ripeto, siamo un grande club ma siamo in un momento in cui non possiamo fare errori perché è molto pericoloso. Non abbiamo molto spazio per commettere errori. Dobbiamo migliorare e aumentare il tasso della nostra squadra per essere qualcosa di importante per il presente e anche per il nostro futuro", ha aggiunto Conte che ha rinnovato il suo contratto con il Chelsea a 11 milioni a stagione.

"Per ogni manager è importante spiegare la sua idea", ha proseguito. "È molto importante che il club capisca la tua idea e sia pronto anche a lavorare insieme, a provare insieme e ad avere questo solido fondamento. Posso vederlo, ma se sono solo, è molto difficile realizzarlo. La mia decisione era sempre quella di stare al Chelsea e continuare questo lavoro. Ma si sa molto bene che il lavoro non è semplice e tutto può succedere durante una carriera", il pensiero di Conte che è ora felice di restare.

"Il mio desiderio e quello del club era di continuare questo lavoro e per questo abbiamo rinnovo il contratto. Ora è giusto cominciare a lavorare insieme ed è molto importante sapere che c'è molto da fare".

La cosa positiva, come ammette lo stesso tecnico italiano, è avere vicino la propria famiglia. La prossima stagione sua moglie, Elisabetta e sua figlia di nove anni, Vittoria, saranno con lui a Londra. "Rimanere un'altra stagione senza la famiglia sarebbe molto difficile, molto difficile", ha sottolineato Conte. "Mia figlia è in un periodo in cui è molto importante vederla crescere, restare ogni giorno con lei. E anche con mia moglie, perché sarebbe gelosa per questo. Adesso stanno arrivando e questo è molto importante".

C'è tempo anche per parlare di mercato, dall'acquisto di Morata a Lukaku andato al Manchester United. "Morata lo volevo già ai tempi della Juventus. Allora era molto giovane, ma adesso che ha più esperienza è pronto per il Chelsea. Lui e Lukaku sono allo stesso livello, prime scelte per grandi club come Chelsea e United". Conte ha parlato anche del caso Diego Costa: "A gennaio, la situazione era già chiara: a fine stagione le strade si sarebbero divise. Ho solo rispettato la mia decisione. E' curioso che qualcuno sia rimasto sorpreso".

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 1780 times

Utenti Online

Abbiamo 685 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine