ANNO XIV Luglio 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Domenica, 24 Settembre 2017 05:43

Il funzionario della Corea del Nord all'ONU: Trump è in una missione di suicidio

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Lo scontro tra gli Stati Uniti e la Corea del Nord ha raggiunto l’apice ieri, giorno in cui le forze armate americane hanno volato con bombardieri nello spazio aereo internazionale sulle acque a est della Corea del Nord.

E anche ieri sono arrivate le conclusioni delle indagini che mostrano la misteriosa attività sismica in Corea del Nord mostrando altresì le preoccupanti e sconcertanti ambizioni nucleari della nazione coreana.

Il ministro degli Esteri del Nord Corea, Ri Yong Ho, parlando davanti alle Nazioni Unite, ha risposto con rabbia al discorso fatto da Donald Trump alle Nazioni Unite  nel quale ha parlato di Kim Jong Un definebdolo un "Rocket Man".

Nel frattempo, gli analisti hanno affermato che l'attività sismica rilevata vicino al sito nucleare di Punggye-ri della Corea del Nord potrebbe essere determinate da un test nucleare all'inizio di questo mese. L'attività sismica è spesso il primo indicatore di un test nucleare, ma le intensità del sabato erano molto più piccole di qualsiasi altra cosa dichiarata come test nucleare negli anni precedenti.

La Corea del Nord affronta le Nazioni Unite

Nell'ONU, Ri ha affermato che Trump ha reso più inevitabile un attacco missilistico verso la terraferma americana, insultando la dignità della Corea del Nord.

" Trump è in una missione suicida", ha detto Ri in un discorso all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite. "Nel caso in cui ci siano vittime innocenti degli Stati Uniti lo saranno a causa di questo attacco suicida, e Trump ne sarà totalmente responsabile".

Guerra di parole di Trump con Kim Jong Un

Il ministro degli Esteri ha inoltre affermato che la "pericolosa realtà è che il giocatore d'azzardo è andato avanti utilizzando minacce, frodi e tutti gli altri schemi per acquisire territorio tenendo il dito sul pulsante nucleare, costituendo la più grave minaccia per la pace e la sicurezza internazionali oggi."

Per Ri Trump e una persona "mentamente sconvolta" che usa parole "sconsiderate e violente".

La Casa Bianca a queste parole risponde con manovre militari.

Il Pentagono ha riferito ieri che i bombardieri B-1B Lancer provenienti da Guam e F-15C Eagle da Okinawa, Giappone, hanno volato nello spazio aereo internazionale sulle acque a est della Corea del Nord. Punto il più lontano a nord della zona demilitarizzata (DMZ) che i combattenti americani o i velivoli bombardieri abbiano mai volato in questo secolo.  Un aeromobile americano B-1B lanciato da Ellsworth Air Force Base, Dakota del Sud, si prepara a decollare da Andersen AFB, Guam,

Il volo ha sottolineato "la serietà con cui prendiamo il comportamento sconnesso della DPRK", ha detto il Pentagono, usando un acronimo per il nome ufficiale della Corea del Nord, la Repubblica popolare democratica di Corea. "Questa missione è una dimostrazione della risoluzione degli Stati Uniti e un chiaro messaggio che il Presidente ha molte opzioni militari per sconfiggere qualsiasi minaccia", ha dichiarato la portavoce del Pentagono Dana White in una dichiarazione.

"Il programma delle armi della Corea del Nord costituisce una grave minaccia per la regione Asia-Pacifico e per tutta la comunità internazionale. Siamo disposti a utilizzare tutta la gamma di capacità militari per difendere la patria degli Stati Uniti e i nostri alleati".

Guerra di parole

E’ stata una settimana che ha ispessito le tensioni tra Washington e Pyongyang. Nel suo intervento martedì Trump ha minacciato di "distruggere totalmente" la Corea del Nord se gli Stati Uniti saranno costretti a difendersi se stessi o un alleato. Trump cinguetta su Twitter venerdì che Kim  è "ovviamente un pazzo" che questo sarebbe stato "testato mai come prima".

Il Segretario Generale dell'ONU António Guterres si è riunito con Ri sabato.

"Il segretario generale ha espresso preoccupazione per le tensioni sulla penisola coreana e ha chiesto la disallineazione e la piena attuazione delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza", ha dichiarato un portavoce dell'ONU. "Il Segretario generale ha sottolineata la necessità di una soluzione politica".

Durante la settimana Washington e Pyongyang hanno avuto parole forti parole fra loro.

La settimana scorsa, la Corea del Nord ha detto che il suo paese potrebbe testare una potente arma nucleare sull'Oceano Pacifico in risposta alle minacce di Trump di azione militare. E queste osservazioni arrivano poco dopo che Kim Jong, in una dichiarazione televisiva senza precedenti, accusa Trump di essere «malato mentale». Una dichiarazione rara in risposta al discorso del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump alle Nazioni Unite

Preoccupazioni per il programma nucleare

La Corea del Nord sta lavorando allo sviluppo di missili che possono raggiungere gli Stati Uniti ei suoi alleati e accoppiarli con una testata nucleare miniaturizzata. Per rispettare una risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che chiede sanzioni sull'attività nucleare della Corea del Nord, la Cina ha dichiarato venerdì che limiterà le proprie esportazioni di prodotti petroliferi raffinati a Pyongyang dal 1 ° ottobre e vieterà le importazioni di tessili dalla Corea del Nord. Il Ministero del Commercio vieta l'esportazione immediata di olio di condensa e gas naturale liquefatto.

Giovedì Trump ha annunciato nuove sanzioni statunitensi per penalizzare qualsiasi impresa o persona che fa affari con la Corea del Nord tagliando il loro accesso al sistema finanziario statunitense o congelando i loro beni

L'Amministrazione meteorologica coreana ha anche citato la possibilità che l'attività sismica si sia verificata a causa dello stress geologico del test nucleare. L'agenzia sudcoreana ha confermato che i sabati ci sono stati due terremoti.

Secondo il suo sito web, il primo terremoto - con una magnitudine 2,6 è avvenuto alle 12:43 di ET. Un secondo si è svolto alle 4:29 am ET intorno alla stessa area.

Park Jong-shin, un analista per l'agenzia, ha convenuto che gli ultimi terremoti potrebbero essere scosse di terremoto. "Si suppone che i terremoti si siano verificati a causa dell'ultimo test nucleare della Corea del Nord", ha dichiarato Park.

Il sondaggio geologico statunitense ha misurato un terremoto di magnitudo 3,5 di 22 chilometri (più di 13 miglia) est-nord-est di Sungjibaegam, Corea del Nord. La profondità dell'epicentro era di 5 chilometri."Non possiamo confermare definitivamente in questo momento la natura (naturale o umana) dell'evento", ha detto l'USGS.

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 1531 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1002 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa