ANNO XIV Gennaio 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Sabato, 07 Ottobre 2017 09:07

Taranto - la parrocchia dello Spirito Santo festeggia i 50 anni di vita

Written by 
Rate this item
(0 votes)

I cinquanta anni di vita di una Parrocchia raccontano anche i 50 anni di vita del territorio che la ha accolta. Lustri che parlano della nascita del quartiere, di aggregazioni famigliari, di nuove strutture. Tutto ciò è oggi la storia della Parrocchia dello Spirito Santo che, nel quartiere Taranto 2, festeggia i 50 anni di vita.

 

Sabato 7 ottobre alle ore 18.00 si terrà l’apertura della Porta Giubilare per concessione del Santo Padre. Chiunque la varcherà dal 7 ottobre 2017 al 7 ottobre 2018 otterrà l’indulgenza plenaria per sé e per i propri defunti. A seguire si terrà la celebrazione solenne, presieduta dall’Arcivescovo Metropolita mons. Filippo Santoro.

La storia della parrocchia dello Spirito Santo è ricca di date importanti, di avvenimenti che  ne hanno permesso la realizzazione.invito 50 1

Il 7 ottobre 1967 mons. Guglielmo Motolese, arcivescovo di Taranto, fondò la Parrocchia dello Spirito Santo e la affidò alla cura pastorale del giovane sacerdote don Franco Costantini.

Il primo nucleo di preghiera si radunò nel 1944, grazie al cappellano capo della Marina  Militare mons. Nicola Ferrero, che aiutò la popolazione locale a radunarsi in preghiera facendo utilizzare, in concessione, un piccolo deposito della Marina che diventò in seguito la prima chiesetta.

L’aiuto determinante arrivò da mons. Michele Traversa, che negli anni 1944-67 aiutò la prima e piccola comunità della zona, pregando nella case delle famiglie del posto. Erano gli anni del dopoguerra, della ricostruzione, del nuovo futuro. 

Molti aneddoti di quegli anni, molte storie, molte testimonianze sono state raccontate al parroco don Martino Mastrovito, che realizzerà una serie di iniziative per celebrare la fondazione della Parrocchia. Qui di seguito alcuni ricordi della professoressa Liliana Pasquali, testimone di questo lungo periodo.

“ … eravamo negli anni ’50 circa e la zona ove attualmente insiste la chiesa dedicata allo Spirito Santo (quella chiamata Rione Toscano), era abitata da famiglie di artigiani e da persone che oltre alla casa avevano il loro piccolo pezzo di terra ove coltivavano verdure ed altro per il loro bisogno alimentare. C’erano diverse masserie e dopo la fine della guerra del 40-45, c’era un gran fervore per la costruzione di strutture militari della Marina.

Un cappellano della Marina Militare, mons. Alfredo Ferrero, originario di Venezia, durante la sua permanenza a Taranto insieme alla sua nave, dopo aver svolto la sua azione pastorale presso la chiesa del Carmine per seguire la G. S. (Gioventù Studentesca dell’A. C.), ebbe modo di venire a conoscenza della zona di cui stiamo parlando.

Probabilmente illuminato dallo Spirito Santo, ebbe l’intuizione di creare un motivo di aggregazione e decise di celebrare la Santa Messa a beneficio degli abitanti locali. La stessa veniva celebrata nelle abitazioni degli abitanti, in seguito in un locale adibito a deposito di attrezzi dagli operai impegnati dalla Marina per la costruzione delle strutture militari.

In assenza del cappellano altri sacerdoti sono stati chiamati a celebrare la Messa, tra cui spesso la gente del posto ricorda mons. Michele Traversa. In alternativa la Messa veniva celebrata in case dei residenti o in locali delle masserie presenti (tra cui una esistente al posto ove oggi si trova la pizzeria Santa Rita). Ebbe così inizio l’esigenza di una effigie della Madonna da portare in processione per le campagne. Fu presa la Madonnina che attualmente accoglie all’ingresso e guida il popolo che va da suo Figlio. Su interessamento di mons. Guglielmo Motolese, fu demolito il capannone degli attrezzi e, al suo posto, venne costruita su suolo ceduto in uso dalla Marina una piccola chiesa che poteva contenere al massimo una cinquantina di persone. Ci fu grande concorso di popolo per la realizzazione dei primi arredi della chiesetta.Il 7 ottobre 1967 la chiesa fu elevata a parrocchia e il primo parroco fu don Franco Costantini alla cui memoria eleviamo un deferente pensiero”.

“Con il racconto dei ricordi della professoressa Liliana Pasquali – afferma don Martino Mastrovito -  desideriamo dare inizio al nostro anno giubilare. Cinquant’anni insieme su questo nostro territorio segnato da grandi cambiamenti demografici e urbanistici. Una comunità che come il granellino di senape, il più piccolo fra tutti i semi, si radica, fiorisce e cresce, dando la possibilità di fermarsi sotto i suoi rami, a questa immagine evangelica ci rifacciamo nel ricordare e celebrare questi anni, commemorando coloro che hanno reso possibile tutto questo e accogliendo i nuovi germogli di una comunità viva. Il Santo Padre su richiesta di mons. Arcivescovo, ha concesso a coloro che visiteranno la nostra Chiesa Parrocchiale, la possibilità di lucrare l’indulgenza plenaria quotidiana a partire dal 7 ottobre 2017 fino allo stesso giorno del 2018.  Tante saranno le iniziative durante questo anno pastorale che ci vedranno impegnati  nel celebrare questa importante tappa. Tutti coloro che vorranno partecipare con noi a questo inizio di anno giubilare, saranno i benvenuti sabato 7 ottobre alle ore 18.00 quando insieme varcheremo la porta della nostra chiesa per ringraziare il Signore dei tanti Suoi benefici”.

Sostieni Agorà Magazine I nostri siti non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 2454 times Last modified on Venerdì, 03 Novembre 2017 12:49

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 959 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa