ANNO XI  Dicembre 2017.  Direttore Umberto Calabrese

Domenica, 08 Ottobre 2017 00:00

La rassegna Stampa di Forin / Gli avversari di Renzi - Ancora sul Referendum della Lega

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Come titola la Repubblica  Gli avversari di Renzi non sono quelli andati viaIo sono come l’angelino dei detersivi, quello di Carosello che, pur avvertito di non intromettersi, finisce invece per farlo sempre finendo per inzaccherarsi tutto.

La decisione presa all’unanimità dalla direzione del Pd di appoggiare il Rosatellum, motivata da Renzi con –i nostri avversari non sono i fuoriusciti dal Pd- è saggia, ben ‘concordata con Prodi’. Agevola la convergenza con Pisapia ed isola D’Alema e gli irriducibili votati al partito nuovo.

Tuttavia, amplia lo spazio del movimento delle cinque stelle, i disastrati dalla politica, che, pur non avendo nulla di buono da dire, costretti all’isolamento, mietono dal dissenso crescente nel Paese.

Il patto tra Renzi e Berlusconi per
avere «mani libere» dopo le urne

Il patto tra Renzi e Berlusconi di cui parla il Corriere della Sera risolve il problema elettorale. Questo non è poco. Se poi i parlamentari che stanno scioperando il cibo, con Del Rio, per far mettere in calendario la discussione dello ius soli vincessero, a dispetto del patto Renzi-Berlusconi, finirebbero per togliermi dagli avversari di Renzi, tra i quali sono.

Resto convinto, infatti, dell’assoluta priorità dei problemi irrisolti della legge sui partiti in Italia e della cittadinanza unica degli europei in Europa.

Io avverso tutti i politici, compresi quelli già in pensione, come Prodi, che mancano di darci la legalità politica.

Inoltre, sono preoccupatissimo dall’emergenza del fenomeno nazista che minaccia l’ex Germania est. Non manco di restar offeso dalla burocratizzazione del sistema europeo incapace di riconoscere l’identità dei 500 milioni di suoi cittadini. L’Espresso di questa settimana ci ha suonato l’allarme:

Lo storico Herfried Münkler: «Abbiamo scoperto che una parte del Paese è frustrata, insicura, rabbiosa. La stessa capitale è ancora divisa in due»

Questi sono problemi veri.

Ancora sul Referendum della Lega

Chiedo ai responsabili in indirizzo di porgere questa e.mail all’Alto rappresentante dell’Unione per gli Affari esteri Federica Mogherini. Grazie, Carlo Forin

Cara Federica Mogherini, socialista e di sinistra, come ti propone Gloria Riva su la Repubblica di sabato 7 ottobre, io sono Carlo Forin, 69 enne, socialista e di sinistra. Piacere.

Sono felice di venir rappresentato da te. Anche se sei una ragazzina per me.

Io sono un euro-italiano desideroso di avere la cittadinanza europea. Il 22 ottobre non andrò a votare al referendum veneto col proposito di non contribuire ad alcuna fesseria simile a quella colossale iniziata dai Catalani.

Vado subito al sodo: la mia priorità politica sta nel riconoscimento giuridico della cittadinanza europea a tutti i 500 milioni di abitanti dei 27 Paesi ancora uniti. Se questa realtà emergesse subito tu, Alto rappresentante dell’Unione per gli Affari esteri, potresti cominciar a lavorare ‘in discesa’:

-nella trattativa Brexit;

-nelle politiche verso gli immigrati, sia all’accoglienza sia all’integrazione sia al respingimento (di chi non sia in regola rispetto alle regole più facili da fissare);

-nella moderazione dei moti para-nazisti insorgenti;

-nelle innovazioni suscitate dalle proposte integrative di unione sostenute di recente da Macron.

Forse sono già un vecchietto rimbambito perché continuo a stupirmi di un dibattito politico vuoto di questa ovvietà. Una ragazzina come te, forse, mi capirà.

Non so quanto merito vada a Matteo Renzi della promozione al tuo incarico. Ad ogni modo sono grato a chi ti ha favorito.

Adesso, alza il tiro e traduci in politica anche la mia spinta.

Ciao,

Carlo Forin, Vittorio Veneto, Tv.

Sostieni Agorà Magazine I nostri siti non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 994 times

Le Vignette satiriche di Paolo Piccione

“La gogna facile”…

 

Utenti Online

Abbiamo 1902 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa