ANNO XIV Aprile 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 18 Ottobre 2017 00:00

Milano – Alla Laconta la poesia haiku con Silvana Ceruti e Alberto Figliolia

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Serata di poesia con SILVANA CERUTI e ALBERTO FIGLIOLIAorganizzata dall'Associazione La Conta, che avrà luogo, con ingresso libero e gratuito, lunedì 23 ottobre 2017, alle ore 21,00 al CAM Ponte delle Gabelle, in Via San Marco, 45 a Milano.

SILVANA e ALBERTO presenteranno una selezione di haiku tratti dai loro  libri e ci parleremo di questo affascinante genere cercando di coinvolgere il pubblico presente. Una serata di haiku, bella e speciale, da non perdere!!!

SILVANA CERUTI - Si considera, tenacemente, toscana, anche se  vive a Milano da quando aveva 11 mesi. Laureata in pedagogia, ha pubblicato numerosi libri scolastici e antologie con varie case editrici: Bruno Mondadori, Morano, Franco Angeli, Nuova Italia, Giunti.

Ha pubblicato sillogi di sue poesie con Lieto Colle, Pulcinoelefante, La Vita Felice: l’ultimo è “Abbi cura dei fili d’erba”.

Libri di haiku, haiga e renga con  Albalibri.

Ha una trentennale esperienza di docente in corsi di aggiornamento sulla programmazione, sulla comunicazione e come italianista in tutti gli ordini di scuola, in modo particolare si è dedicata e si dedica all'insegnamento della scrittura poetica.

Nel 1994 ha aperto il Laboratorio di lettura e scrittura creativa nella Casa di reclusione di Milano-Opera e ancora lo conduce. Per questo Laboratorio ha curato numerose antologie di poesie.

Collabora con la rivista di cultura e vita sociale  ilPiccolo dove conduce la rubrica di narrativa Spazio nonni e nipoti.

Ama il cibo e lo ritiene altamente poetico (alcune sue poesie sono odi alle pastasciutte). Ma ritiene che la sua poesia più bella sia il suo balcone fiorito, la sua fiaba più interessante la relazione con Luna – una cagnolina bianca – e il suo miglior prodotto audiovisivo suo figlio.

ALBERTO FIGLIOLIA - Giornalista pubblicista, già collaboratore di testate e quotidiani nazionali, per scelta ora free lancecitizen-street, journalist e blogger.

Inviato e redattore da lunghi anni di tellusfolio, rivista telematica “glocal”, e collaboratore di liberolibro.it.

Da sempre gira per le più varie contrade con l'amico Çlirim Muça, credendo profondamente e fortemente nell'arte di strada, nella divulgazione e nel martello gandhiano della poesia.

Ha scritto svariati libri navigando fra i più vari generi (sport compreso). Con grande diletto da lungo tempo si occupa anche di poesia haiku.

Da molti anni aiuta Silvana Ceruti nella conduzione del Laboratorio di lettura e scrittura creativa nel Carcere di Milano-Opera, curandone anche gli svariati progetti editoriali.

HAIKU  è un componimento poetico che cerca di rendere l'unità delle cose, con lo spirito di religiosità in cui si esprimono le più profonde aspirazioni umane. È  caratterizzato da una peculiare struttura di 3 versi, rispettivamente di 5, 7 e 5 sillabe. Senza alcun titolo. Ma la sua semplicità e immediatezza sono apparenti, la sua composizione richiede una grande sintesi di pensiero e d'immagine in quanto il soggetto dell'haiku è spesso una scena rapida ed intensa che trae da pochi particolari dell'attimo presente un senso di eternità e di completezza universali. L'haiku offre in sole 17 sillabe un piccolo poema, un universo concluso e nello stesso tempo da completare: il lettore, nell'estrema concisione dei versi trova uno spazio ricco di suggestioni che gli possono far ripercorrere lo stesso haiku centinaia di volte, trovandovi sempre nuove vie di espansione personale. Il kigo – il richiamo a una stagione, che spesso si concretizza in un elemento della natura  – costituisce il tema principale dell'haiku ed è considerato dagli haijin ("poeti di haiku") il punto focale di questo componimento poetico. Il Maestro giapponese Seki Ōsuga (1881-1920) afferma riguardo al kigo che “il richiamo alla stagione rappresenta quel sentimento che emerge dalla semplice osservazione e contemplazione della dignità naturalistica, e proprio qui risiede l'interesse nei confronti della poesia haiku, laddove ogni cosa è armonizzata e ricondotta ad unità attraverso questo stesso sentimento”. Tuttavia in epoca recente il tema dell'haiku si è esteso anche a comportamenti e ambienti umani tipici dell'era moderna. (Silvana Ceruti).

POETI AL PONTE DELLE GABELLE: E’ un appuntamento fisso settimanale, il lunedì, per incontrarci a fare poesia e per condividere ascolto e partecipazione, aperto a tutti, dove, grazie anche alle vostre idee e proposte, potremo realizzare:

Serate di poesia: con poeti, noti e meno noti, che ci presenteranno le loro opere;

Serate collettive di poesia: aperte a tutti i poeti della nostra città e non solo.Ciascun autore potrà presentare i sue opere e, per partecipare, è sufficientescrivere una mail aQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.">'+addy_text32784+'<\/a>'; //--> oppure presentarsi in sede all'inizio dellaserata;

Serate di presentazioni di riviste, libri, film e opere teatrali di poeti: con la partecipazione degli autori, attori, registi ecc.

POETI AL PONTE DELLE GABELLE è un progetto del Gruppo Poesia dell'Associazione La Conta, aperto a tutti coloro che desideranoparteciparvi.Vi invitiamo a presentare levostre poesie, a unirvi ed a collaborare con il Gruppo Poesia dell' Associazione. Per contatti, proposte, informazioni ecc. inviare mail a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.">'+addy_text10744+'<\/a>'; //--> .

 

Sostieni Agorà Magazine I nostri siti non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 1467 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1048 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa