ANNO XIV Dicembre 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 13 Agosto 2015 04:37

Messina piange Ilaria. E per la droga e' indagata una sedicenne

Written by 
Rate this item
(1 Vote)

Messina - Una bara bianca ricoperta di rose, accanto un enorme pallone a forma di cuore con la scritta colorata "Iaria ci manchi". La chiesa cristiana avventista e' stracolma gia' prima dell'inizio dei funerali di Ilaria B., la ragazza di 16 anni morta domenica notte nei pressi della passeggiata del Ringo sul lungomare di Messina.

Ci sono i familiari, tantissimi giovani, gli amici ma anche persone comuni che non conoscevano la ragazza ma che hanno voluto esserci. Arriva anche il sindaco, Renato Accorinti, che resta in fondo alla chiesa.

Fuori per strada le persone che non riescono a trovare posto dentro. Davanti alla chiesa tanti palloncini bianchi e due cartelloni con un collage di foto della ragazza e la frase: "Chissa' dov'eri, ti ho cercato fra le nuvole ma tu non c'eri".

Ieri sera le compagne di scuola con i professori ed il preside dell'istituto Jaci, frequentato dalla sedicenne, si sono riuniti per una veglia nella chiesa di Santa Caterina. Le compagne di classe la difendono, la descrivono come una ragazza buona ed educata: "Si sono limitati a criticarla esteticamente - dicono - ma poi caratterialmente era tutta un'altra cosa". Nonostante avesse cambiato scuola, la sedicenne aveva subito recuperato e in pochi mesi si era integrata tanto da riuscire a superare tutte le difficolta' e non perdere l'anno.

INDAGATA UNA COETANEA - Una sedicenne e' indagata dalla Procura dei minori di Messina per cessione di stupefacenti.
Verrebbe da lei la droga assunta dal Ilaria.

La minorenne non avrebbe fornito la dose rivelatasi fatale direttamente alla vittima, ma all'amica diciottenne che era con lei quando si e' sentita male e che e' fuggita assieme a un diciassettenne dopo aver chiesto a un ciclista di passaggio di chiamare il 118. In base alla testimonianza della diciottenne, la polizia e' risalita alla sedicenne, la cui posizione sara' ora valutata dal magistrato. (AGI)

Read 717 times

Utenti Online

Abbiamo 953 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine