ANNO XIV Dicembre 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 02 Novembre 2017 07:55

Grottaglie (Taranto) - «Ci sono stati favoritismi in piazza Unicef?»

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Nel titolo l’interpellanza del gruppo consiliare di “Articolo 1 – movimento democratico e progressista” che riassume quanto presentato dai consiglieri del Gruppo Consiliare “Articolo 1 – Movimento Democratico e Progressista”, Francesco Donatelli, Massimo Serio e Aurelio Marangella al Sindaco, all’assessore ai Lavori Pubblici, all’assessore alle Attività Produttive e al Presidente del Consiglio Comunale di Grottaglie.

“Appare quantomeno singolare l’attività posta in essere dalla pubblica amministrazione nei confronti di un privato cittadino, peraltro rivestente la carica di consigliere comunale, che in tempi brevi ottiene una serie di autorizzazioni, oltre a sembrare funzionale il ridimensionamento di una aiuola al successivo rilascio di una concessione per la collocazione di un gazebo in legno e una concessione per la ricollocazione dell’automezzo sulla predetta aiuola.”

Si arriva a tale interpellanza attraverso alcune premesse che si indicano in sequenza

la Giunta Comunale, con delibera n. 630 del 29/12/2015 approvava il progetto per la sistemazione di Largo UNICEF i cui lavori furono consegnati all’impresa appaltatrice l’11/7/2016;

a seguito di apposito Bando, pubblicato sul BURP il 25/5/2016, fu assegnato in data 9/9/2016 al sig. M.Z., la concessione del posteggio n. 1 Largo Unicef per la somministrazione di bevande ed alimenti con “automezzo attrezzato”;

con delibera n. 380 del 29/9/2016 la Giunta Comunale approvava una perizia suppletiva di variante ai lavori già in corso di Piazza UNICEF prevedendo, tra l’altro, il ridimensionamento delle aiuole adiacenti alla Via Buonarroti;

successivamente all’Autorizzazione n. 657 del 20/10/2016 per l’occupazione di suolo pubblico su Via Buonarroti, su richiesta dell’interessato veniva rilasciata “l’autorizzazione permanente per la realizzazione di un manufatto in legno antistante la propria attività” da collocare sul marciapiede, in adiacenza alla citata aiuola (Concessione n. 60/2016 prot. 28753 del 18/11/2016);

in data 28/8/2017 l’interessato presentava “richiesta di spostamento di posizione del mezzo attrezzato posizionato su Via Buonarroti in prossimità di Largo Unicef”;

il Comune di Grottaglie (Concessione n. 54/2017, prot. n.22080 del13/9/2017) autorizza a posizionare l’”automezzo attrezzato alla somministrazione bevande e alimenti sopra la piazzetta di Largo Unicef” e, precisamente su una delle aiuole, addirittura da pavimentare, dopo essere stata ridimensionata con la citata delibera G.C. n. 380/2016;

a seguito del rilascio della Concessione n. 54/2017, il 14 settembre scorso l’interessato invia al Comune la “Comunicazione di inizio lavori”.

 

Preliminarmente è utile ricordare – riprende l’interpellanza dei consiglieri -  che il Regolamento per il commercio su aree pubbliche all’art. 8 D sub 1 comma C - Posteggi isolati sparsi per esercizio dell’attività di somministrazione di alimenti e bevande su area pubblica recita: “periodo di attivazione: dalla domenica al sabato, nella fascia oraria compresa tra le ore 17.00 e le ore 01.00 (dal 1° giugno al 30 settembre dalle ore 17.00 alle ore 02.00). Al di fuori di detta fascia oraria il posteggio deve risultare libero e, pertanto, al termine dell’attività lavorativa il concessionario è obbligato a rimuovere l’automezzo e assicurare una accurata pulizia dell’area occupata dalle 17 alle 01.00 (o 02.00)”. 

Per quanto sopra esposto ai sottoscritti appare quantomeno singolare l’attività posta in essere dalla pubblica amministrazione nei confronti di un privato cittadino, peraltro rivestente la carica di consigliere comunale, che in tempi brevi ottiene una serie di autorizzazioni, oltre a sembrare funzionale il ridimensionamento di una aiuola al successivo rilascio di una Concessione per la collocazione di un gazebo in legno e una Concessione per la ricollocazione dell’automezzo sulla predetta aiuola. 

Premesso quanto sopra i sottoscritti consiglieri comunali, con la presente INTERPELLANZA chiedono di sapere:

se l’Amministrazione Comunale è a conoscenza di quanto sopra esposto,

se non ritenga opportuno avviare una ricognizione di tutti gli atti e nel caso di acclarate disfunzioni,

quali sono gli intendimenti da adottare compreso quello di esercitare il potere di autotutela revocando la Concessione n. 54/2017 prot. n. 22080 del 13/09/2017.” (Francesco Donatelli  Presidente del Gruppo consiliare “Articolo 1 – Movimento Democratico e Progressista”

Sostieni Agorà Magazine I nostri siti non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 1541 times

Utenti Online

Abbiamo 1289 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine