ANNO XI  Novembre 2017.  Direttore Umberto Calabrese

Sabato, 11 Novembre 2017 00:00

Facebook ci vuole nudi per combattere il revenge porn

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Come soluzione, il social network propone agli utenti di inviargli le loro foto senza vestiti per poterli riconoscere. Ma l'idea non sembra piacere

Alla fine di una relazione, il terrore degli incauti che hanno immortalato sé stessi in pose osé, o filmato le proprie evoluzioni amorose, è che il proprio, o la propria, ex - per vendetta - metta online video o fotografie imbarazzanti. Ovvero, quello che viene definito "revenge porn". Come combattere il fenomeno? Facebook ha avuto un'idea, che finora però non sembra aver riscontrato grandi consensi: caricare sul social network il materiale compromettente per consentirgli di riconoscerlo e cancellarlo qualora a qualcuno venga in mente di metterlo a disposizione degli oltre due miliardi di utenti della rete sociale. Per ora si tratta solo di un test proposto agli iscritti australiani. E, a giudicare dalle reazioni in rete, la proposta non pare suscitare troppo entusiasmo.

And today’s “nope” idea award goes to Facebook.https://www.scmagazine.com/facebook-share-your-nudes-to-prevent-revenge-porn/article/705177/ 

https://pbs.twimg.com/card_img/929023796631212038/eV50DlS9?format=jpg&name=600x314); background-size: cover;" style="position: absolute; top: -1px; left: -1px; bottom: -1px; right: -1px; background-size: 3em; background-position: center center; background-repeat: no-repeat; background-image: url("//ton.twimg.com/tfw/assets/news_stroke_v1_78ce5b21fb24a7c7e528d22fc25bd9f9df7f24e2.svg");">

Facebook asks users to send nudes to prevent revenge porn

Facebook is asking users to submit their nudes in a preemptive strike to combat revenge porn.

scmagazine.com

Come funziona

Il procedimento è stato definito da un portavoce di Facebook a Quartz come "simile a prendere le impronte digitali". Si caricano le foto compromettenti nel sistema inviandole a noi stessi tramite Messenger. Se le foto risultano violare gli standard dell'azienda (in questo caso la nudità), vengono marcate. Un'intelligenza artificiale valuterà se l'immagine sia effettivamente contraria alle policy aziendali. E, nel caso, vi assegnerà un valore di hash, che verrà salvato in un database. Dopodiché ci verrà chiesto di cancellare il messaggio con la foto. Se qualcuno cercherà di caricare la stessa immagine su Facebook, l'impronta digitale verrà riconosciuta e il tentativo di upload bloccato.

Facebook ci vuole nudi per combattere il revenge porn
 Mark Zuckerberg

Perché non è una buona idea

Comprendere le ragioni per le quali la proposta non sembra destinata a un radioso futuro è piuttosto semplice, anche qualora ci si sentisse sicuri nel girare le nostre informazioni più intime a un'azienda non ritenuta, in generale, affidabilissima. Molto banalmente, il nostro passato amore potrebbe avere un hard disk pieno di scatti a luci rosse dei quali non possediamo una copia. E se decidesse di caricarli, il database di Facebook non potrebbe fare un bel niente. (Agi)



 

Sostieni Agorà Magazine I nostri siti non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 565 times

Le Vignette satiriche di Paolo Piccione

I due becchini della Nazionale italiana

Utenti Online

Abbiamo 1653 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa