ANNO XII  Luglio 2018.  Direttore Umberto Calabrese

Domenica, 10 Dicembre 2017 04:44

Erdogan e Macron in pressing su Trump «Su Gerusalemme ripensaci»

Written by 
Rate this item
(0 votes)

I presidenti di Francia e Turchia preoccupati per la posizione di Washington. In Germania manifestazioni di piazza contro Usa e Israele

 Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan e il presidente francese Emmanuel Macron hanno concordato una "stretta cooperazione" sulla crisi di Gerusalemme e faranno pressione su Donald Trump affinché riconsideri la sua decisione. Lo riferisce l'agenzia Anadolu citando una fonte della presidenza turca.

Nel corso di un colloquio telefonico, Erdogan e Macron hanno condiviso la "preoccupazione per l'intera regione" per la scelta degli Stati Uniti di riconoscere Gerusalemme come capitale israeliana.

Erdogan ha sottolineato che è dovere di tutta l'umanità preservare lo status di Gerusalemme e ha aggiunto che un passo sbagliato potrebbe avere un impatto negativo su tutta la regione, compreso Israele. I due presidenti hanno concordato di continuare gli sforzi per convincere gli Stati Uniti a riconsiderare la decisione.

Anadolu aggiunge che Erdogan ha anche discusso della questione Gerusalemme con i presidenti Nursultan Nazarbayev, Ilham Aliyev e Michel Aoun, del Kazakistan, dell'Azerbaijan e del Libano. Il presidente turco ha ribadito che "la pace e la stabilità regionali possono essere garantite solo attraverso uno stato indipendente e sovrano palestinese entro i confini del 1967 e con Gerusalemme Est come capitale". Riferendosi al vertice straordinario dell'Organizzazione di cooperazione islamica (OIC) che si terrà a Istanbul il 13 dicembre, Erdogan ha aggiunto che il summit sarà l'occasione per mostrare l'unità del mondo islamico su Gerusalemme, una città santa per musulmani, ebrei e cristiani.

Bandiere bruciate a Berlino

Intanto, circa 1200 persone hanno manifestato davanti all'ambasciata americana di Berlino contro il riconoscimento americano di Gerusalemme capitale di Israele.

Sono state sventolate diverse bandiere palestinesi, turche e siriane. I 450 poliziotti presenti per controllare la situazione si sono attivati solo quando sono state bruciate due bandiere israeliane e parte della folla ha intonato violenti slogan antisemiti. In serata più di un centinaio di persone è sfilata in corteo all'interno di Neukölln, uno dei quartieri a più alta concentrazione araba della capitale. La manifestazione, non autorizzata, si è sciolta spontaneamente all'arrivo della polizia. Ad Amburgo invece circa duecento persone hanno protestato davanti al consolato americano al grido di "No Gerusalemme capitale" (agi)

 

Sostieni Agorà Magazine I nostri siti non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 803 times

Le Vignette di Paolo Piccione

Perchè??? “Ma che davero davero…”

 

Utenti Online

Abbiamo 1604 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa