Print this page
Giovedì, 21 Dicembre 2017 00:00

Ghen ò dita tante!

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Vado a concludere il 2017 forte di un’idea, che vi esprimo in veneto: dal 2006[1] sono passati 12 anni: ghen ò dita tante da tante parti! Vutu che no abia scrit nianca na monada?

Tr.: Ne ho dette tante da tante parti; vuoi che non abbia scritto neppure una sciocchezza?

E’ scientificamente impossibile! Perciò, chiedo perdono al lettore che l’abbia colta: -per…dun perdono-.

Poiché il correttore automatico provvederebbe a rendere illeggibile il mio indirizzo, ve lo rendo con vuoti intermedi che voi provvederete ad occultare per scrivermi:

 -c a r l o f o r i n@h o t m a i l. c o m-.

Ditemi dove ho sbagliato!

Perché sento il bisogno di sapere dove posso aver sbagliato? Perché sono un uomo! Non un dio.

Vi ho scritto ne ‘Il padrone del fuoco’:

Perciò, di-rig = ‘dio. prende’, letto di-gir = ‘dio. taglia’ diventa l’opposto. Sibillino.

Eme gir = lingua taglia, eme righ = lingua prende.

In eme gir ‘dio prende’, di-rig in grafi, ed è detto di-gir, ‘dio taglia’, di-gir, dei grafi di-rig!

Sono convinto di aver Dio con me, però….sì, come lo scriba di Osiride io scrivo ‘sotto dettatura’. Non sono né Osiride –Ashirish: notate Ash = Uno d’origine- né GESH.UB. Una qualche distrazione sarà avvenuta, in una sillaba, magari scritta rovesciata! Tuttavia, ghen ò dita tante!

Avrò convinto qualcuno sul fatto che il zumero è proprio la lingua che originò la nostra, anche se sono il solo a scriverlo in mezzo a più di sette miliardi di abitanti?

Ad esempio: la lettura zumera possibile di Ghe.enna:

en-na (…-a)

until; as long as…; as many as …; everywhere (‘time’, enigmatic backround’ [no!: Signore della Città = En: finchè il Signore della Città ti lascerà vivere = destino] + nominative[2].

a

Ge

  (Emesal reading of the verb me, to be)[3].

Ge26, ge2

  I, me; myself, cf., ga2-e[4].

Dunque, l’ebraico Geénna conserva zum. geenna ‘il mio destino sarebbe là’.

Badate, perché sto scherzando col fuoco eterno; io sono certo che Gesù è con me, e che non mi lascerà scivolare nel fuoco dell’inferno. Ma sono anche umano, nam.u!

Perciò, lancio la sfida a tutti voi (Mirella compresa): pescate l’errore e segnalatemelo!


[2] John Alan Halloran, Sumerian lexicon, Los Angeles, Logogram Publishing, 2006 : 61.

[3] John Alan Halloran, Sumerian lexicon, Los Angeles, Logogram Publishing, 2006 : 97.

[4] John Alan Halloran, Sumerian lexicon, Los Angeles, Logogram Publishing, 2006 : 97.

Read 981 times