ANNO XIII Novembre 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 26 Dicembre 2017 12:02

Perché l'amore dei newyorkesi per le biciclette elettriche si è trasformato in odio

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Il sindaco pensa a un giro di vite che potrebbe avere duri contraccolpi per centinaia di persone. E per la temperatura della pizza

I newyorkesi, si sa, sono gente tosta. Poco inclini ai facili entusiasmi, molto meno sempliciotti dell'americano medio e decisamente più disincantati. Al punto da lasciarsi contagiare dalle mode, senza però cedere alla ragion pratica che può disintegrarle nel volgere di una notte. Come è successo con le bici elettriche. Adorate dagli ambientalisti e da squadroni di pony express, sono odiate dagli abitanti di New York, proprio perché non sono né carne né pesce. Ossia: sono maneggevoli e agili come biciclette, ma veloci come scooter. In una città in cui muoversi silenziosamente o facendo rumore può fare la differenza tra la vita e la morte.    

Dall'amore all'odio

Le disponibilità di biciclette elettriche a basso costo ha reso la vita molto più facile per le legioni di addetti alla ristorazione di New York, ma la festa potrebbe finire con il nuovo anno. Il municipio, guidato dal democratico Bill de Blasio ha annunciato un giro di vite sulle e-bike, come riporta il Guardian.

La legge è criptica in materia: le biciclette sono legali da possedere e vendere, ma guidarle per strada può costare una multa fino a 500 dollari. Già in autunno de Blasio aveva annunciato che, a partire dal 2018, le aziende che utilizzano i dipendenti muniti di bici elettriche sarebbero state multate di 100 dollari per la prima infrazione e 200 per ognuna di quelle seguenti. L'obiettivo è non limitarsi a punire i ciclisti, spesso immigrati poveri che usano la e-bike come strumento di lavoro, ma le imprese che fanno finta di niente e lasciano che sia il gradino più basso della scala a prendersi la legnata.

La crociata contro le e-bike

Alcuni gruppi che si battono per la tutela dei ciclisti hanno sfidato il municipio a mostrare i dati che dimostrerebbero la pericolosità delle e-bike rispetto ad altri veicoli. La legge federale consente alle biciclette elettriche che viaggiano a 30 km/h o meno di essere considerate biciclette a tutti gli effetti, ma la legge dello Stato di New York la vede in un altro modo e per questo sono già più di mille le due ruote finite sotto sequestro. 

La sfida dei prossimi mesi sarà tra i newyorkesi stufi di veder sfrecciare bici-non-bici che rischiano di continuo di travolgerli e schiere di pony express, spesso non più giovani, che per sbarcare il lunario contano sulla possibilità di pedalare al doppio della velocità normale per accumulare consegne. A risolverla, con ogni probabilità, sarà la scoperta che, senza bici elettriche, la pizza ordinata on-line non arriva più così calda. (agi)

Sostieni Agorà Magazine I nostri siti non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 974 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1134 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa