ANNO XIV Luglio 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 24 Gennaio 2018 17:15

Il senatore Razzi è stato scaricato e l'ha presa malissimo

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Il partito prende tempo e lui, furioso: "Non parlerò più con Berlusconi"I giornali lo danno per spacciato e lui si infuria con l'uomo per il quale aveva detto di essere pronto a fare tutto, persino votare Totò Riina presidente della Repubblica.

 Antonio Razzi non sarà ricandidato per Forza Italia e, anche se manca l'ufficialità, il fatto che nessuno si sia precipitato a smentire le indiscrezioni del Corriere sul mancato invito al senatore nella sede del partito, a piazza di San Lorenzo in Lucina, per firmare l’accettazione della candidatura sembra un segnale inequivocabile. 

"Io inadatto? Di inadatti ce ne sono centinaia, ve lo dice il sottoscritto. Centinaia che non fanno un cazzo dalla mattina alla sera. Io sono lì sempre al lavoro" commenta ai microfoni di Radio24, la notizia della sua esclusione dalle liste azzurre. "Se candidano gente andata via, che l'hanno tradito, addirittura l'hanno votato per uscire fuori dal Senato (Berlusconi, ndr) questa è la fine del Parlamento. Vuol dire che una cosa del genere fa schifo, me ne voglio andare, non lo voglio neanche più vedere". 

Del resto neanche lui è nuovo a clamorosi ripensamenti: eletto con Di Pietro e poi è passato con Berlusconi. "Ho preso le preferenze. E nel 2013 sono stato eletto in Abruzzo, ero numero quattro e in quella posizione non veniva eletto manco Cristo. Io e Berlusconi abbiamo portato quella lista a vincere in Abruzzo. Penso che Berlusconi non c'entri niente. Penso a gente invidiosa perché ho troppa popolarità e questo dà fastidio. Berlusconi questo non lo pensa e non l'avrebbe mai fatto."

A Berlusconi rinfaccia "correttezza e gentilezza". "Minimo una telefonata: 'Anto', non ti posso candidare perché vogliamo fare un cambiamento, candidiamo gente nuova, i giovani', invece gente che l'ha tradito, sta lì. Mi poteva parlare".


Chi è Antonio Razzi

Abruzzese, classe 1948, prima operaio tessile in Svizzera, poi, nel 2006, catapultato in Parlamento per l'Italia dei Valori circoscrizione estero, passa a Noi Sud prima e Forza Italia dopo per essere rielettonel 2013. E' celebre per le difficoltà nel padroneggiare l'italiano e le gaffe riprese dalle telecamere nascoste. Ma anche per il rapporto privilegiato con la Corea del Nord che ha definito 'La Svizzera d'Oriente'. 

Intervistato da Un giorno da pecora Razzi ha affermato di essere "di proprietà di Berlusconi, quello che lui mi dice io faccio". Ha  aggiunto che per Berlusconi farebbe "qualsiasi cosa, anche buttarsi sotto a un treno" o votare Totò Riina presidente della Repubblica, se Berlusconi gliel'avesse chiesto


Ancora martedì sera era fiducioso in un ripensamento del partito. Aveva scritto alle agenzie che: "I miei rapporti di correttezza e lealtà con il partito e con il Presidente Berlusconi sono tali da escludere una modalità di questo tipo in quanto non ho ricevuto nessuna comunicazione in questo senso. Pertanto, dato il rapporto di fiducia reciproca sono tranquillo nel dichiarare, senza tema, che queste notizie non hanno fondamento sino a quando Forza Italia non ufficializzerà le proprie decisioni nella compilazione delle liste dei suoi candidati". 

 

Intanto su Twitter impazza l'hashtag #razzi

<script>!function(d,s,id){var js,fjs=d.getElementsByTagName(s)[0],p=/^http:/.test(d.location)?'http':'https';if(!d.getElementById(id)){js=d.createElement(s);js.id=id;js.src=p+"://platform.twitter.com/widgets.js";fjs.parentNode.insertBefore(js,fjs);}}(document,"script","twitter-wjs");

Sostieni Agorà Magazine I nostri siti non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 758 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1049 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa