ANNO XII  Ottobre 2018.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 06 Febbraio 2018 05:18

Alzheimer: l'immunoterapia tardiva inefficace per bloccare il declino cognitivo

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Su "New England Journal of Medicine" uno studio internazionale su oltre 2100 pazienti, coordinato per l'Italia dall'Università Statale di Milano

 L'intervento con anticorpo monoclonale contro la proteina beta Amiloide si è rivelato del tutto inefficace nel bloccare il declino cognitivo tipico della malattia di Alzheimer.

A rivelarlo uno studio internazionale – pubblicato sulla rivista News England Journal of Medicine – coordinato per l'Italia da Elio Scarpini, docente di Neurologia al dipartimento di Fisiopatologia medico-chirurgica e dei trapianti e Centro Dino Ferrari dell'Università Statale, presso la Fondazione Ca' Granda IRCCS Ospedale Maggiore Policlinico di Milano.

La ricerca - condotta su oltre 2100 pazienti affetti da malattia di Alzheimer trattati con l'immunoterapia passiva - dimostra chiaramente che non è sufficiente rimuovere la proteina patologica dall'encefalo quando è troppo tardi perché la perdita di memoria è già presente.

Occorrono quindi strategie alternative di intervento più precoce, come quella già in atto che - in via preventiva - segue soggetti sani "a rischio" (per età e genetica) di sviluppo della malattia, seguiti neurologicamente per almeno 5-8 anni. Questo tipo di studio – coordinato a livello italiano sempre dal Centro del professor Scarpini dell'Università Statale - prevede l'impiego di un farmaco inibitore della beta Secretasi, in grado di impedire la formazione della beta Amiloide e la successiva degenerazione neuronale.

Sostieni Agorà Magazine I nostri siti non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 566 times

Le Vignette di Paolo Piccione

Orfini dichiara: “ora basta, questa volta denunceremo tutto”

 

Utenti Online

Abbiamo 1462 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa