ANNO XIV Novembre 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 28 Marzo 2018 07:09

cura: etetimo

Written by 
Rate this item
(0 votes)

[lat. cura(m) di etim. incerta *sec. XII] s.f. 1 interessamento sollecito e costante per qualcuno o qualcosa […]. Propongo l’etimo -kur a- riferito a cura. Significativo di: semea dall’Altro mondokur.

kur

  n., mountain; highland; (foreign) land or country; the netherworld; the east; short side; of rectangular field inscribed on round tablet (ki, ‘place’, + ur3, ‘roof, mountain pass’/ur2, ‘root, base’; cf., Orel & Stolbova #1504, *kur- “mountain”, #1552, *kar- ‘mountain’ [KUR archaic frequency].

v., to reach, attain; to kindle; to rise (sun).

Giovanni Semerano:

cura, -ae cura, preoccupazione, pensiero, -curo- ho cura. Il peligno coisatens –curaverunt- ha il senso di accadico hasasu (prendersi cura, preoccuparsi, aver pensiero di, ‘to care for, to be mindful of, to think of a person’, con la forme hussusu: ‘to remind’; to study, to investigate’, CAD, 6, 122 sgg.). l’umbro kuraia, kuratu -curet-, -curato-, le forme epigr. coirauit, coerauit  si svilupparono alle origini sotto la base corrispondente a accad. kuru (lat. cura; oppressione, depressione, da accad. karum  (essere oppresso, ‘to be in depression’, ebr. kara Hi (‘to afflict’).

Integro [segnalo i Cureti, divinità minori, Curili, isole nipponiche che alzano la cura] con zumero kur7:

kurum7 gurum2, kuru7, kur7 [IGI.ERIM or older IGI.NIG2/GAR]

n., lookust, spy; review, inspection, exsamination, supervision; delivery (ki, ‘place’, + uru3 (-m), to watch to guard’).

  v., to watch; to chech, take stock; to review; to allocate, entrust; to place in crucible or dyeing vat.

Il lettore noterà il senso del verbo. Supervisione nel sostantivo: il più generale.

Rileva entrust, affidare: en + trust, signore + confidare, in zumero.

kur9, ku4

   n., entrance (ki, ‘place’, + ur3, ‘entrance’).

    v., to enter; to bring; to pronounce a slave free; to deliver (-ni- specifies delivery location); to enter before someone (with dative verb prefix); to let enter (with –ni-); enter into the presence of (with –shi-); to turn round; to turn into, transform (with –da- [‘da immagine’ o con –a- seme] (ku4-ku4 (-de3 [Emesal dialect, ‘che sia’] in maru) (suppletion class verb?; singular [?] reduplication class stem; singular [?] reduplication class stem; cf., sun5).

Questa voce sopra è perfetta! Mi sconta pagine di narrazione. Potremmo sintetizzare: kur (-a-) = entrata da Aldilà in questo mondo; kur (0) entro fuori dal mondo –per i laicisti-, kur (O) entro nel sacro –per i credenti, come me-.

Il cucù dei bimbi rivela che rimase sepolto il ku4-ku4 zumero dal presuntuoso gnosco latino, che era stato gnusku zumero: ‘distinguo-non distinguo’. Sembrava rimasto niente, nihil, ed invece la mia cura etimologica del bene dà la giusta carezza:

Read 544 times

Utenti Online

Abbiamo 876 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine