ANNO XVI Dicembre 2022.  Direttore Umberto Calabrese

Domenica, 20 Maggio 2018 02:47

Zoncolàn

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Oggi, il Giro scala la salita più dura d’Europa, lo Zoncolàn-hesjedal L’opportunità archeo-linguistica è strepitosa! I lettori saranno più attenti a conoscere il significato antico di questi nomi-paleonimi nel tentativo di condividere la fatica degli scalatori-ciclisti di erte dal 22 al 24% (degli ultimi 10 chilometri) e farsi partecipi dell’interesse ‘isolato’ dello scrivente.

Che cosa significa Zoncolan/Zu.un.kul.an?: dal fondo, an = Cielo (vicino a En = Signore), kul, maneggia, zu.un, conoscenzazu (della) -1° o 2° persona-un.

Il Cielo maneggia la tua conoscenza vel la tua conoscenza maneggia il cielo.

Vi do i pezzi a comprova.

an

n., sky, heaven; the god An; grain ear/date spadix (cf., a2-an) (‘water’ + ‘high’) [AN archaic frequency].

v., to be high.

adj., high; tall.

prep., in front [1].

 

kul

   n., handle (base + ul, ‘pleasure; ornament’).

   v., to bring toghether, unite; to collect, glean; to roam, run.

   adj., heavy; thick; sexuality mature[2].

 

zu, su2

n., wisdom, knowledge.

v., to know; to understand; to experience; to be familiar with; to inform, teach (in maru reduplicated form); to learn from someone (with –da-); to recognize someone (with –da-); to be experienced, qualified.

possessive suffix, your (singular).

pron., yours[3].

 

-un

Represents 1.sg. or 2.sg. pronominal suffix /-en/ after e verb ending in a vowel.

Sottolineo questo finale a merito di John Alan Halloran (autore del lexicòn) che chiarisce col verbo ‘conoscere’, zu, l’identità dell’altro dialogante, -un.

Poiché il zumero va letto in circolo, il giro, -un = 1.sg. o 2.sg., chiarisce nu, immagine:

nu

image, likeness, picture, figurine, statue [NU archaic frequency]. Halloran: 208.

nu-a v., to lack, be without (‘not + nominative’)[4].

Che cosa significa il per noi astruso Hesjedal?:

‘volare (gli) occhi prigionieri’.

Hesh5 (cf. shaga [captive, ‘prigioniero’]-ge lunghezza –dal volare

-Volare la lunghezza ai prigionieri- è la possibilità dello schiavo legato alla terra.

Ringrazio GESH.UB della ‘dettatura’.

Sono entusiasta del senso de - Il Cielo maneggia la tua conoscenza vel la tua conoscenza maneggia il cielo- nonché de - far volare prigionieri- proprio per la diversità ovvia delle espressioni, che non contraddicono tra di loro. Non è l’oggetto montagna a nominare, ma i popoli diversi che le abitarono vicino, che avevano la fonte più antica uguale nella lingua eme ghir. Ciò comprova la bontà dell’approccio.

 


[1] John Alan Halloran, Sumerian lexicon, Los Angeles, Logogram Publishing, 2006 : 19.

[2] John Alan Halloran, Sumerian lexicon, Los Angeles, Logogram Publishing, 2006 : 150.

[3]Halloran: 316.

[4] Halloran: 208-209.

Read 851 times

Utenti Online

Abbiamo 585 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine