ANNO XVI Ottobre 2022.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 23 Maggio 2018 00:00

Il bimbo Gesù

Written by 
Rate this item
(0 votes)

«Chi accoglie uno di questi bambini nel mio nome, accoglie me; chi accoglie me, non accoglie me, ma colui che mi ha mandato». 

 Lettera di san Giacomo 4,1-10. 

Carissimi, da che cosa derivano le guerre e le liti che sono in mezzo a voi? Non vengono forse dalle vostre passioni che combattono nelle vostre membra? 
Bramate e non riuscite a possedere e uccidete; invidiate e non riuscite ad ottenere, combattete e fate guerra! Non avete perché non chiedete; 
chiedete e non ottenete perché chiedete male, per spendere per i vostri piaceri. 
Gente infedele! Non sapete che amare il mondo è odiare Dio? Chi dunque vuole essere amico del mondo si rende nemico di Dio. 
O forse pensate che la Scrittura dichiari invano: fino alla gelosia ci ama lo Spirito che egli ha fatto abitar e in noi? 
Ci dà anzi una grazia più grande; per questo dice: Dio resiste ai superbi; agli umili invece dà la sua grazia. 
Sottomettetevi dunque a Dio; resistete al diavolo, ed egli fuggirà da voi. 
Avvicinatevi a Dio ed egli si avvicinerà a voi. Purificate le vostre mani, o peccatori, e santificate i vostri cuori, o irresoluti. 
Gemete sulla vostra miseria, fate lutto e piangete; il vostro riso si muti in lutto e la vostra allegria in tristezza. 
Umiliatevi davanti al Signore ed egli vi esalterà. 


Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Marco 9,30-3

In quel tempo, Gesù e i suoi discepoli, attraversavano la Galilea, ma egli non voleva che alcuno lo sapesse. 
Istruiva infatti i suoi discepoli e diceva loro: «Il Figlio dell'uomo sta per esser consegnato nelle mani degli uomini e lo uccideranno; ma una volta ucciso, dopo tre giorni, risusciterà». 
Essi però non comprendevano queste parole e avevano timore di chiedergli spiegazioni. 
Giunsero intanto a Cafarnao. E quando fu in casa, chiese loro: «Di che cosa stavate discutendo lungo la via?». 
Ed essi tacevano. Per la via infatti avevano discusso tra loro chi fosse il più grande. 
Allora, sedutosi, chiamò i Dodici e disse loro: «Se uno vuol essere il primo, sia l'ultimo di tutti e il servo di tutti». 
E, preso un bambino, lo pose in mezzo e abbracciandolo disse loro: 
«Chi accoglie uno di questi bambini nel mio nome, accoglie me; chi accoglie me, non accoglie me, ma colui che mi ha mandato»

Santa Rita da Cascia, tu la Santa dell’impossibile. Io mi rivolgo a te perché aiuti Giuseppe Conte nell’impresa di accettare e di reggere il governo dei pupi. Grazie!

*

Io ho accolto Gesù bambino da dieci anni.

Gesù adulto dei vangeli è troppo complesso per me, ancòr oggi. Godo della presenza del Gran Giocattolaio, che ogni giorno mi dà motivo per preoccuparmi e poi la risoluzione del problema in modo sorprendente.

L’ultimo intoppo, ieri: il codice pin del nuovo bancomat, che avevo registrato e scordato. È riemerso con la collaborazione della bancaria e di mio fratello. Direte: stai rincretinendo. Esatto. Ma, fin chè qualcuno starà insieme a me non avrò male. E Gesù bambino non mi lascerà solo: non abbandonarmi in tentazione e liberami dal Maligno.

Sapete il significato zumero di pin? Lo possiamo leggere in gisPI-apin:

gisPI-apin

  a part of the seeder plow (barig, ’36 liters in Old Sumerian period’, + ‘plow’)[1].

Il solco apin ha due sponde, ap –di apertura- in –corrente il lunghezza-. La parte pi diventa corrente, in, in lunghezza.

Ho scontato 17 giorni senza usare il bancomat ed ora sono a posto.


[1] Halloran: 216.

Read 820 times

Utenti Online

Abbiamo 1005 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine