ANNO XIII  Agosto 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 20 Agosto 2015 17:05

Martina Franca (Taranto) 3500 visitatori per le collezioni del Duca di Martina.

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Bilancio positivo per Kalon Kalein e il “Il giglio angioino sulle maioliche di Grottaglie”

 

Al 19 agosto sono 3.500 i visitatori della storica mostra “Viaggio tra le preziose collezioni del Duca di Martina”. Cittadini di Martina, dei Comuni del circondario e soprattutto turisti e famiglie,  provenienti da ogni parte, hanno lasciato giudizi entusiastici sulla mostra esprimendo meraviglia e sorpresa per queste bellezze esposte nella cornice delle sale del Piano Nobile del  Palazzo Ducale.

Si tratta di una esposizione in sintonia con le iconografie di Domenico Carella che ricostruisce, per quanto possibile, lo splendore dei circa 7.000 oggetti appartenuti alla famiglia  dei Caracciolo, (ed in particolare a Placido de Sangro 1829-1891)  che per secoli sono stati i duchi di Martina, e che sono custoditi a Villa Floridiana dal 1911.

Il Museo “Duca di Martina” di Napoli - Villa Floridiana ha in tutto l’anno lo stesso numero  di  visitatori che ha raggiunto il Palazzo Ducale in pochi giorni: senza questa mostra tali ricchezze sarebbero rimaste sconosciute ai più.

Nelle cinque stanze del Piano Nobile sono esposte scettri, bastoni,  orologi, statuette, tabacchiere, scrigni,  reliquari, custodite in teche di proprietà comunale  e video sorvegliate con una generosa donazione da parte della Cooperativa “Salvador Allende”.

Una nota  importante  è  tra i primi dati raccolti attraverso un questionario che i visitatori liberamente compilano: l’informazione della mostra è per lo più giunta attraverso Internet, circuiti turistici  e consigli di amici.  

L’accoglienza e la guida alla mostra sono  affidate ai giovani dell’Associazione Ecomuseale della Valle d’Itria che illustrano con competenza il viaggio tra le prestigiose collezioni all’interno del Palazzo Ducale.

L’ingresso è libero e i visitatori possono  lasciare una contribuzione del tutto volontaria, all’inglese,  terminata la visita. Questa modalità nuova, che sostituisce il tradizionale biglietto di ingresso, si sta, piano piano, rivelando efficace. I fondi raccolti serviranno per iniziative culturali e per piccoli  lavori di manutenzione del Palazzo.

La mostra è aperta tutti giorni dalle ore 9.00 alle 20.00 senza soluzione di continuità e si concluderà l’8 gennaio 2016.

Volge al termine la mostra “Il giglio angioino sulle maioliche di Grottaglie” del ceramista grottagliese Domenico Pinto, che ha riprodotto con alta professionalità i personaggi della storia angioina per Martina Angioina- la festa civile di Martina”.

Chiude i battenti anche  “Kalòn Kalein”, l’installazione fotografica  dell’artista italogreca Eliana Vamvakinos, incentrata sul tema delle comuni radici della bellezza mediterranea, che ha ricollegato la regione Attica della Grecia a Martina Franca. L’operazione culturale è stata oggetto anche di un twitter del direttore del Sole 24 ore, Roberto Napoletano, che si è complimentato con la città per l’investimento in cultura, anticipando i contenuti del Manifesto sulla cultura.      

Entrambe le mostre hanno avuto un grande successo di pubblico e ottime recensioni critiche  su riviste e giornali.

Un sentito ringraziamento a quanti stanno trasformando il Palazzo Ducale in un contenitore di arte, di storia e di cultura, una sfida finora ben  riuscita che punta sempre più a migliorarsi”  - ha affermato l’assessore ai Beni Culturali, Antonio Scialpi.  

Read 451 times Last modified on Venerdì, 28 Agosto 2015 18:07

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1194 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa