ANNO XII  Giugno 2018.  Direttore Umberto Calabrese

Domenica, 10 Giugno 2018 18:43

Uno sguardo a Taranto, dopo una riflessione sull’incontro di Bilderberg

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Oggi a Torino termina, la quattro giorni dell’incontro annuale della inquietante Bilderberg. Partecipano manager del settore industriale e dei servizi sia d’Europa che, del Nord America.

Il codice interno, che disciplina gli incontri prescrive che quanto viene detto dai partecipanti è reso noto ai partecipanti tutti, ma non l’identità di chi fa le affermazioni. Inoltre è vietato rendere pubbliche quanto è stato discusso. Sono le regole dello Chatham House. Il primo tema trattato è il populismo, in Europa vera ossessione degli euristi e di tutti i neoliberisti antichi e di nuovo conio, specialmente i sinistri di Palazzo. Il populismo lo scorso anno era al terzultimo posto dei 10 temi selezionati, ma quest’anno è passato al primo posto. Ormai è il tema dominante e più investigato da politologi e maitre a penserà. Di certo potenziato da fenomeni come la Brexit e, la vittoria di Trump, Orban e il gruppo di Visegrad. Probabilmente il caso italiano è diventato un ampio laboratorio di verifica , dei presupposti di  crisi della democrazia , soprattutto nelle economie sviluppate.

La metafora dell’invitato scomodo , usata da un politologo americano ci aiuta, a comprendere , scrutare in profondità questo fenomeno del populismo del terzo millennio. L’invitato scomodo è uno che , in una festa di gran gala non rispetta le regole è rozzo diciamo, il modello Salvini . Questo invitato scomodo però , evidenzia la distruzione di sovranità del popolo dalle derive esiziali della democrazia liberale. Un elettorato esautorato , ridicolizzato dallo slogan “ ce lo chiede il mercato” prende atto dello svuotamento , annullamento delle prerogative democratiche su cui si è fondato lo Stato di Diritto figlio nobile del Liberalismo. Dice bene Marco Revelli . Il populismo oggi altro che, antipolitica è invece proprio una forma , che la politica assume oggi. Il populismo esprime,  misura il disagio della democrazia perché attori fondamentali come il ceto medio e strati del mondo del lavoro che, ne garantivano la stabilità, oggi percepiscono le antiche formazioni politiche come collaborazionisti del sistema di potere economico e finanziario che, sovrasta o meglio esprime le tecnocrazie. Oggi questi soggetti sono, o meglio percepiscono che le decisioni sono prese dalle tecnocrazie , dai mercati , da parametri e vincoli contabili , macroeconomici che di scientifico non hanno nulla . Il popolo sente che il proprio voto non serve , a nulla e quindi molti scelgono l’astensione o , per formazioni che rappresentano l’opposto di quei partiti che, percepiscono come traditori. Il voto cosiddetto populista di certo è un voto anti oligarchia, antiapparato. Nella quattro giorni di Torino sono riuniti gli uomini più potenti della politica , del giornalismo , della finanza e delle Università. Il Bilderberg Meeteng nasce 64 anni. I partecipanti a Torino sono 131 e tra questi il governatore della banca centrale inglese , il Re dei Paesi Bassi , vari miliardari e per l’Italia il presidente di FC , il direttore generale della Banca d’Italia Rossi il superliberista economista  Alesina , la senatrice a vita Elena Cattaneo.   I temi trattati sono 12 al primo posto il populismo in Europa , poi la sfida della disuguaglianza , il futuro del lavoro , l’intelligenza artificiale il computer quantistico e altri temi. In verità proprio su questo giornale e, specificamente su Ilva trattammo il tema della intelligenza artificiale e del computer quantistico. Il tema del futuro di Ilva si lega organicamente alla rivoluzione della robotica con, l’intelligenza artificiale , all’internet delle cose e alla rivoluzione del grafene , delle nanotecnologie e delle stampanti 3 D. Quando si capirà, che Ilva ha un equilibrio di costi collocato a una produzione di 8 milioni di tonnellate, che col ciclo integrato siderurgico diventa incompatibile con lo stato ambientale della Città sarà troppo tardi.

Infatti al netto della sovra capacità di produzione europea , l’unica chance per ridurre i costi è la sostituzione del 90 % dei lavoratori con i robot. Taranto rischia di perdere il lavoro umano e conservare le emissioni del ciclo integrato. Solo la politica può risolvere questo immenso problema.

Sostieni Agorà Magazine I nostri siti non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 600 times

Le Vignette di Paolo Piccione

Riders: spiragli di tutela per questi “liberi professionisti”?

 

Utenti Online

Abbiamo 1586 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa