ANNO XII  Novembre 2018.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 12 Giugno 2018 06:55

L'estate degli chef, cibi innovativi e leggeri

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Nelle cucine si impone digeribilità e freschezza

Roma - E' light è la parola chiave della cucina sfiziosa e gourmet dell'estate che è alle porte. A dettare la tendenza dei prossimi menù della stagione calda sono le stesse Brigate guidate da chef più o meno plurimedagliati con un messaggio che si decifra in leggerezza e digeribilità e l'inserimento di qualche ingrediente particolare in grado di regalare quella marcia in più al piatto che si andrà a proporre sulle tavole dei clienti. Il mood estivo, dopo un giro di orizzonti, è quello dunque della freschezza con un annullamento in alcuni casi anche delle salse dal menù come confermato dal alcuni maestri della cucina d'autore. Anthony Genovese, due stelle Michelin e chef del ristorante "Il Pagliaccio" di Roma proporrà ad esempio, come dichiarato a margine del "Restaurant Awards Lazio 2018", menu light senza salse con un gioco di fermentazioni e l'utilizzo di ingredienti innovativi come il Miele di Spiaggia del Pisano e delle Albicocche maturate nella cera d'api. Francesco Apreda del ristorante Imago-Hassler della Capitale, vincitore del Restaurant Awards Lazio e una stella Michelin proporrà, come detto nel contesto della manifestazione che ha premiato i ristoranti laziali, erbe, in particolare alghe e frutti esotici come il mango.

Sulla stessa lunghezza d'onda o quasi anche Simone Pavoni del Ristorante 1978 con la carta del menu che presenta millefoglie di petali di patate ed un gel al prezzemolo. Non mancano poi gli intramontabili fiori eduli e frutti rossi a Stile Libero con Max Mariola che a pranzo propone anche panini a prova di nutrizionista, professionista spesso in sala nel bistrot del quartiere Prati per dare consigli su menu di gusto e a prova costume. Nel milanese, in linea con Roma, è confermata la particolarità: a La Rampina gli chef Lino e Luca Gagliardi puntano sull'ingrediente Finger lime, una nuova scoperta che viene dalla Nuova Zelanda ma che presenta un'acidità diversa rispetto al limone nostrano. (ANSA)

 

Sei arrivato fin qui Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Agoramagazine.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente. Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di agoramagazine.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo. Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino al giorno. Sostieni Agorà Magazine I nostri siti non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 299 times

Le Vignette di Paolo Piccione

Sputare in faccia qualcuno non è più reato

 

Utenti Online

Abbiamo 1142 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa