ANNO XII  Settembre 2018.  Direttore Umberto Calabrese

Sabato, 30 Giugno 2018 13:32

Trapianto d'utero tra gemelle, bimbo è nato e sta bene

Written by 
Rate this item
(0 votes)

A Bologna, dopo intervento a Belgrado, procreazione in Svezia

Pesa 2,970 kg, è un maschio e sta bene il primo bimbo al mondo nato dopo un trapianto di utero tra due sorelle gemelle omozigote: il cesareo è stato eseguito in mattinata all'ospedale Sant'Orsola di Bologna. La madre, una donna di origini serbe di 38 anni residente in Italia, ha pianto di gioia. Il trapianto è stato fatto a Belgrado a marzo 2017, il percorso di procreazione assistita è stato seguito a Stoccolma.


La sorella che ha donato l'organo aveva avuto tre figli. 

 

La nascita è l'esito di un complesso iter medico e chirurgico che ha coinvolto un'equipe internazionale e ha portato al primo parto in Italia dopo un trapianto di utero, il dodicesimo a livello mondiale. La madre, nata senza utero per una malformazione, si è sottoposta ad un programma di concepimento assistito con ovuli fecondati dal seme del marito. Il trapianto, il 26 marzo 2017 a Belgrado, 10 ore di espianto e cinque di impianto, è stato seguito dall'equipe medica svedese del professor Matt Brannstrom, direttore della clinica di Stoccolma IVF. All'intervento hanno preso parte anche Milan Milenkovic, Mirorslav Djordjevic e Stefan Tullius, quest'ultimo direttore della divisione trapianti del Brigham and Women's Hospital alla Harvard Medichal School. Il decorso, come spiegato da Luca Gianaroli, direttore scientifico del Sismer di Bologna, centro di ricerca per la fecondazione assistita, è stato regolare e non ha avuto complicanze, così come non ci sono stati problemi durante la gravidanza e il parto. (ANSA)

 

Sei arrivato fin qui Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Agoramagazine.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente. Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di agoramagazine.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo. Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino al giorno. Sostieni Agorà Magazine I nostri siti non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 800 times

Le Vignette di Paolo Piccione

Orfini dichiara: “ora basta, questa volta denunceremo tutto”

 

Utenti Online

Abbiamo 1131 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa