ANNO XII  Settembre 2018.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 03 Luglio 2018 10:11

Di Maio, ora tagliamo le pensioni d'oro

Written by 
Rate this item
(0 votes)

"Ho preso un altro impegno con gli italiani: ora tagliamo le pensioni d'oro. Incardiniamo un disegno di legge al Senato e spero di approvarlo entro l'estate". Così il vice-premier Luigi Di Maio parlando ad Agorà su Rai Tre.

Una riduzione del costo del lavoro finalizzata ad incentivare le imprese che possono crescere sarà introdotta con la legge di Bilancio. Lo ha assicurato Di Maio parlando delle misure adottate con il decreto Dignità che contiene misure sulle imprese. ''Ridurremo il costo del lavoro - ha detto - ci stiamo lavorando per la legge di Bilancio". Di Maio ha spiegato che il governo farà "un abbassamento di costo del lavoro selettivo, su tutte le imprese che hanno un margine di crescita. Le incentiveremo".

"I voucher erano nati per alcuni lavori, come quelli domestici di Colf e badanti, e in alcuni casi nell'agricoltura. Se il tema è questo e se ne può discutere". Così vice premier Luigi Di Maio intervenendo ad Agorà su un tema caro alla Lega dicendo no alla reintroduzione dei "voucher come aveva fatto Renzi e i sui amici: ci si pagavano anche gli ingegneri...erano usati per un contratto di una giornata a con quello, ai fini Istat, era come se si era lavorato una settimana, e questo aveva fatto impennare i conti degli occupati in Italia".

"Non bisogna utilizzare i morti per questa polemica, ricordiamoci che i morti in mare ci sono stati sempre". Così il vicepremier risponde a chi gli fa notare degli ultimi naufragi di migranti nel Mediterraneo dopo il blocco alle navi delle Ong. "Le nostre navi continuano a salvare le persone - aggiunge - c'è una differenza fra salvataggio e traghettamento". Il vicepremier ha ricordato come "forniremo nuove motovedette alla Libia perchè è la cosa più sana che i salvataggi li facciano i libici e li riportino sulle coste libiche". (ANSA)

 

Sei arrivato fin qui Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Agoramagazine.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente. Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di agoramagazine.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo. Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino al giorno. Sostieni Agorà Magazine I nostri siti non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 465 times

Le Vignette di Paolo Piccione

Orfini dichiara: “ora basta, questa volta denunceremo tutto”

 

Utenti Online

Abbiamo 1468 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa