ANNO XII  Luglio 2018.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 10 Luglio 2018 08:03

RepAir: la t-shirt genderless che purifica l’aria. Obiettivo: aiutare l’ambiente. Con eleganza.

Written by 
Rate this item
(0 votes)

È online fino al 12 luglio il crowdfunding per RepAir, la t-shirt creata della start up Kloters ad alto tasso di desig, che lavora a impatto zero e pulisce l’aria. È la nuova frontiera della moda sostenibile dove chiunque contribuisce a migliorare l’ambiente. È sharing ecology.

Torino - Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAiruna maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto di the Breath®’, materiale brevettato dalla società Anemotech srl e testato secondo standard UNI 11247, ISO 16000-9 e test ANSI/AHAMAC-1-2015, in grado di neutralizzare le sostanze inquinanti, batteri e cattivi odori.

RepAir è un progetto rivoluzionario che oltrepassa il concetto di moda green e lo stravolge. L’obiettivo è aiutare l’ambiente. Con eleganza.

Per realizzare l’impresa, la giovane startup ha lanciato un crowdfunding su Kickstarter per far conoscere il prodotto in tutto il mondo. “In Kloters tutti i prodotti sono pensati con in mente 3 valori: stile, comfort e sostenibilità. RepAir nasce dal desiderio di andare oltre il tradizionale concetto di moda sostenibile. – raccontano Federico Suria, Marco Lo Greco e Silvio Perucca, i soci dell’impresa – La nostra t-shirt vuole smuovere le coscienze e sperimentare nuove soluzioni al problema dell’inquinamento attraverso un capo bello, comodo e soprattutto virtuoso”.

La campagna sarà online fino al 12 luglio 2018 e chi aderirà potrà  acquistare RepAir a un prezzo di lancio di 29 Euro. L’obiettivo è raggiungere quante più persone possibili per innescare un ‘circolo virtuoso’ con il motto “una t-shirt forse non può cambiare il mondo, ma molte sì”. 

Chiunque indossando la maglia potrà infatti contribuire a pulire l’aria in modo attivo, senza sforzo, solamente indossando il capo. Un’azione quotidiana, semplice e necessaria che diventa un vero e proprio atto ecologicoPiù persone indossano RepAir, più l’ambiente ne beneficia. È sharing ecology.

RepAir non è solo prodotta rispettando l’ambiente ma è in grado di agire in modo virtuoso e attivo su di esso grazie all’inserto del tessuto the Breath® che disgrega e cattura le molecole inquinanti presenti nell’atmosfera.

Approfonditi studi e test di laboratorio condotti dall’Università Politecnica delle Marche, secondo standard internazionali, hanno dimostrato la capacità di assorbimento del materiale brevettato. Dati che sono stati validati impiegando il tessuto nell’arredamento di interni e su banner pubblicitari esterni. RepAir utilizza per la prima volta the Breath® anche nel campo della moda proponendo una soluzione diversa al problema dell’inquinamento atmosferico.

Secondo proiezioni, basate sulla misurazione delle emissioni prodotte dalle auto in centro a Milano, ogni t-shirt è in grado di assorbire le sostanze inquinanti (Nox e COV) prodotte da circa due automobili. 

È una vera e propria rivoluzione e Kloters, grazie alla collaborazione con Anemotech, ne è il pionere. 

RepAir è un capo dal design classico, proposto in bianco e nero, realizzato per durare a lungo e non soggetto alle stagionalità delle collezioni, che coniuga raffinatezza estetica e attenzione all’ambiente.

La t-shirt incorpora l’inserto di the Breath® all’interno di una tasca. La maglia “lavora” a impatto zero e non necessita di essere attivata o alimentata da fonti energetiche esterne. Il tessuto the Breath®, infatti, è composto da tre strati. I due strati esterni, antibatterici, anti-odore, idrorepellenti e stampabili e la cartuccia interna attivata da nano molecole che filtra le molecole inquinanti e i cattivi odori che vengono intrappolati e disgregati.

La scelta di Kloters di utilizzare the Breath®,nasce dall’idea di creare un prodotto moda che non sia solo realizzato rispettando l’ambiente ma sia anche in grado di agire su di esso in modo virtuoso. The Breath®, con le sue specifiche caratteristiche ha permesso di rendere quest’esigenza una realtà.

È la nuova frontiera del “green fashion” dove la sfida più grande è quella di integrare eleganza, comfort e tecnologia

Un lavoro non semplice che ha richiesto molto tempo e dedizione come spiega Silvio Perucca – la mente creativa di Kloters, product and sales manager del marchio – “La prova più complessa del progetto è stata riuscire a realizzare un prodotto valido esteticamente, in grado di competere nel complesso mondo fashion, e che riuscisse ad integrare una tecnologia innovativa in modo più che perfetto, senza incidere sull’eleganza, sulla vestibilità e sul comfort del capo.”

“Siamo davvero molto orgogliosi del risultato dei nostri sforzi. RepAir è espressione della filosofia del nostro brand che si ritrova nel concetto di ‘Star bene’.” – racconta Marco Lo Greco, brand e marketing manager di Kloters. “Il nostro obiettivo era creare un ‘prodotto moda’ non solo bello ma in grado di agire direttamente sull’ambiente in modo attivo. Abbiamo quindi iniziato a studiare il mercato e trovato the Breath®che rispondeva in pieno alle nostre esigenze. L’azienda produttrice, Anemotech, si è mostrata da subito entusiasta del progetto e da lì abbiamo iniziato la collaborazione e il nostro sogno è diventato realtà.”

Maggiori informazioni su 

www.kloters.com

repair.kloters.com

http://inseade.fnd.to/klotersrepair

Kloters è un brand italiano di moda maschile fondato tre anni fa da Marco Lo Greco, Silvio Perucca e Federico Suria che hanno unito diverse esperienze lavorative (creativa, brand development e commerciale) in un’idea di business condivisa con il fine di “Far Star Bene” i propri clienti, attraverso tre attributi fondamentali che sono alla base della realizzazione di tutti i propri prodotti: Comfort, Stile e Sostenibilità. La prima collezione è stata presentata nel giungo 2015 a Parigi presso il Palais de la Bourse. I raffinati capi in cotone hanno riscosso da subito grande successo tra i buyers internazionali. In poco tempo la distribuzione è cresciuta raggiungendo 17 paesi attraverso oltre 110 luxury multibrand. Giappone, Korea, Cina, Germania, Francia, Regno Unito sono alcuni dei paesi che rivendono il marchio. Dal 2016 Kloters si è rifocalizzato sui canali diretti, con lo scopo di essere più vicino ai clienti finali. Il Brand inaugura inizialmente il proprio e-shop (www.kloters.com) e a seguire, nell’aprile 2016, apre il primo monomarca a Torino - che è anche la sede operativa del marchio. Nel giugno 2017 Kloters inaugura ad Alassio il secondo negozio. Nel 2018 lancia RepAir, una linea di abbigliamento in grado di pulire l’aria dall’inquinamento, come parte del piano di sviluppo per rafforzare la filosofia e l’immagine del brand nel fashion sostenibile. 

Anemotech s.r.l. è un’azienda italiana nata nel 2014 con l’obiettivo di studiare e sviluppare prodotti volti a migliorare la qualità della vita delle persone. Dalla ricerca Anemotech®, nasce  la  tecnologia the Breath®, che è costituita da un tessuto composto da tre livelli, ognuno con la propria funzione, che lavorano in sinergia tra loro, in grado di trattenere al suo interno sostanze inquinanti, batteri e cattivi odori, brevettato e certificato secondo standard ISO, ANSI /AHAM AC – 1- 2002 .

 

Sei arrivato fin qui Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Agoramagazine.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente. Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di agoramagazine.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo. Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino al giorno. Sostieni Agorà Magazine I nostri siti non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 307 times

Le Vignette di Paolo Piccione

Perchè??? “Ma che davero davero…”

 

Utenti Online

Abbiamo 1568 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa