ANNO XIII Ottobre 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 18 Luglio 2018 07:54

Ricorso contro la nuova AiA per l’Ilva di alcuni cittadini, l’intervento di Lina Ambrogi Melle

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Lina Ambrogi Melle intervento ad adiuvandum di alcuni cittadini di Taranto ai ricorsi della Regione Puglia e del Comune di Taranto contro il DPCM del 30 settembre 2017 che ha valore di nuova AIA all'Ilva

Il prof. Avv. Andrea Saccucci insieme all'Avv. Matteo Magnano e all'Avv. Roberta Greco, dello Studio legale internazionale di Roma che gia' ci rappresenta davanti alla Corte dei Diritti dell’Uomo a Strasburgo nel ricorso contro lo Stato italiano per violazione con le sue leggi salvailva dei diritti alla vita, alla salute ed alla vita familiare dei tarantini, su incarico di alcuni cittadini di Taranto hanno notificato un intervento ad adiuvandum per sostenere e rafforzare i ricorsi al TAR di Lecce contro il DPCM del 30 settembre 2017 presentati dalla Regione Puglia e dal Comune di Taranto.

L'iniziativa, promossa dalla prof.ssa Lina Ambrogi Melle , intende percorrere ogni possibile strada legale per agire in maniera efficace allo scopo di tutelare la popolazione di Taranto nei suoi diritti fondamentali della vita e della salute calpestati da tutti questi decreti SALVAILVA che , nonostante un sequestro senza facoltà d'uso della Magistratura nel luglio 2012, hanno permesso ugualmente a degli impianti pericolosi di continuare a funzionare causando " malattie e morti". L'ultimo  DPCM del 30 settembre 2017, che ha valore di nuova AIA per l'Ilva , presenta vari vizi di legittimità e non impugnarlo significherebbe renderlo " efficace e definitivo ", permettendo così ai nuovi acquirenti di poter reiterare reati gravissimi protetti da un'immunità penale ed amministrativa regalata per legge. Il che significa " avere licenza di uccidere a Taranto ". L'impugnazione di questo DPCM è' l'unico atto efficace per tentare di fermare questo terribile progetto che farebbe continuare il genocidio di Taranto.

La salute dei tarantini non può continuare ad essere un bene negoziabile ed i tarantini non possono continuare ad essere cavie. Pertanto il Governo italiano  la smetta di ricattarci e cominci a pensare ad un nuovo modello di sviluppo per Taranto che restituisca dignità e salute  ai lavoratori ed ai cittadini . I gravissimi danni sanitari dei tarantini sono stati ampiamente documentati scientificamente con eccessi di malattie e di mortalità rispetto alle medie regionale e nazionale. Ci sono modelli epidemiologici che hanno accertato che la persistenza dell'area a caldo dell'Ilva di Taranto continuerà a generare danni e rischi per lavoratori e cittadini . Quindi è' imprescindibile chiudere l'area a caldo dell'Ilva di Taranto e reimpiegare gli operai nelle opere di bonifica che la citta' attende da 25 anni, da quando fu dichiarata un SIN, ovvero un'area da bonificare. 

 Taranto merita Giustizia , quella Giustizia  che noi cittadini continueremo ad invocare  in ogni sede nazionale ed internazionale, così come abbiamo già fatto davanti alla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo di Strasburgo dove siamo in attesa di sentenza.

Sostieni Agorà Magazine I nostri siti non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 564 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 963 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa