ANNO XIV Novembre 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Sabato, 28 Luglio 2018 04:28

Tav, il dossier che scotta

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Matteo Salvini tira dritto. I Cinquestelle ne mettono in discussione la prosecuzione. Palazzo Chigi frena e l'Ue ribadisce che "è un progetto importante". La Tav, la linea ferroviaria Torino-Lione, i cui lavori proseguono da anni, torna prepotentemente al centro del dibattito politico.

Da un lato Salvini, con la Lega che si è sempre detta contraria a fermare il cantiere. Dall'altro il Movimento Cinque Stelle, con il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli, che nei giorni scorsi ha messo in discussione la prosecuzione dei lavori della Torino-Lione esprimendo "rabbia e disgusto per come sono stati sprecati i soldi dei cittadini italiani" e chiedendosi se abbia "senso o meno portare avanti un'opera nata male".

LA POSIZIONE DI SALVINI - Il contratto di governo pentaleghista, del resto, parla chiaro: "Con riguardo alla linea ad Alta Velocità Torino-Lione - si legge nel documento - ci impegniamo a ridiscuterne integralmente il progetto nell'applicazione dell'accordo tra Italia e Francia". Ma sull'ipotesi di bloccare i lavori della Tav, stamattina è stato il ministro dell'Interno Matteo Salvini a frenare. "Dal punto di vista personale secondo me occorre andare avanti e non tornare indietro" ha detto il vicepremier e ministro dell'Interno ai microfoni di 'Mattino24' su Radio 24, "L'opera serve e se per caso da un'analisi attualizzata del 2018 non serve, costa di più bloccarla che non proseguirla? - si è chiesto il titolare del Viminale -. Questo è il ragionamento che varrà su tutto, analisi costi benefici, la Tav, la Tap, la Pedemontana, Terzo Valico. Questo c'è scritto e questo faremo". "C'è l'analisi costi-benefici - ha aggiunto Salvini - non è che faccio pagare agli italiani miliardi". 

LA FASE ISTRUTTORIA - Nel frattempo da palazzo Chigi, fonti hanno fatto sapere che il dossier sulla Tav al momento non è ancora giunto sul tavolo del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Nessuna decisione dunque è stata ancora presa - hanno spiegato le stesse fonti - e soprattutto non ci sono state valutazioni al riguardo. Il dossier è in fase istruttoria presso il ministro competente, quello delle Infrastrutture, Toninelli, il quale è impegnato in una valutazione costi-benefici che poi sarà sottoposta e condivisa con il presidente del Consiglio e con l'intero governo. Ad ogni modo la soluzione sarà in linea con quella contenuta nel contratto di governo, che prevede l'impegno a "ridiscutere integralmente il progetto nell'applicazione dell'accordo tra Italia e Francia".

L'UE - Intanto a Bruxelles, la Commissione Europea non ha commentato "i rumours" sulla Tav ma ha sottolineato che "la linea ad alta velocità Torino-Lione è un progetto importante, non solo per la Francia e per l'Italia, anche per l'Europa nel suo complesso" come ha fatto sapere il portavoce della Commissione Europea per i Trasporti Enrico Brivio. "E' importante - ha rimarcato Brivio - che tutte le parti mantengano i loro sforzi per completarlo in tempo". Quanto alle conseguenze di un'eventuale decisione ritiro del governo dall'opera, "non speculerei sugli scenari" continua il portavoce.

I COSTI - Secondo quanto evidenziato dal portavoce dell'Ue, il costo totale dei lavori "è di 8,6 mld di euro, con la maggior parte degli investimenti nell'ambito del prossimo Mff (il bilancio pluriennale dell'Ue, ndr)". Mentre i costi coperti dall'accordo in vigore "ammontano a 1,9 mld, con un cofinanziamento europeo di 813,8 mln, che è il 41% del costo dei avori correnti". "Ovviamente - ha osservato Brivio - i finanziamenti vanno ad opere che verranno realizzate: non si possono finanziare progetti che non vengono realizzati, come è logico". Oggi, hanno spiegato fonti Ue, circa 4 mln di camion all'anno attraversano longitudinalmente la Val Padana e non c'è una ferrovia che possa consentire di spostare una parte consistente di queste merci dal trasporto su gomma a quello su ferro. La Torino-Lione è concepita per questo, per diminuire l'inquinamento e per decongestionare il traffico (le autostrade della Pianura Padana sono intasate dai mezzi pesanti).

La Commissione ha stimato che il progetto sosterrà la crescita economica a livello regionale e locale, con la creazione diretta e indiretta di circa 15mila posti di lavoro, nelle imprese e nel turismo. L'opera dovrebbe essere completata tra il 2027 e il 2030: fa parte del Mediterranean Core Network Corridor, uno dei pilastri della politica comunitaria Ten-T: secondo il regolamento omonimo, gli Stati membri devono adottare le misure necessarie a sviluppare la rete entro il 2030.

L'OPPOSIZIONE - Sulla questione Tav l'opposizione non è rimasta alla finestra. Per il segretario del Pd, Maurizio Martina i costi dello stop all'alta velocità sarebbero molto alti. "Due miliardi di euro di penali, il blocco di finanziamenti europei, 4 mila posti di lavoro a rischio - ha denunciato Martina su Twitter -. La follia del governo di bloccare la Torino-Lione la pagherà un Paese intero". Dello stesso avviso Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera. "Tav. Caos totale nel governo - ha scritto su Twitter - Giuseppe Conte dice no, Matteo Salvini dice sì. Qual è la linea dell'esecutivo gialloverde? Basta prese in giro, basta con il tergiversare di Danilo Toninelli e Luigi Di Maio. Per Forza Italia le infrastrutture sono fondamentali per il Paese".

IL GOVERNATORE DEL PIEMONTE - In Piemonte, ha preso la parola il governatore Sergio Chiamparino: "In attesa che il ministro Danilo Toninelli e il premier Giuseppe Conte si chiariscano le idee sull'analisi costi-benefici della Torino-Lyon, e che magari decidano di ascoltare anche le opinioni di qualcuno che non appartenga alla loro tribù - si legge in una nota - convocherò entro il mese di settembre un incontro di tutte le rappresentanze economiche, sociali, istituzionali e politiche per far risuonare chiare e forti le voci della società piemontese a favore dell'opera. E' indispensabile un moto d'orgoglio che impedisca che la nostra regione venga messa ai margini di tutte le relazioni economiche, nazionali e internazionali". Chiamparino si è quindi rivolto ai leghisti "che nel loro programma elettorale avevano il completamento del Tav" affinché "insorgano per bloccare questa deriva anti-piemontese e contraria agli interessi del Nord-Ovest e dell'intero Paese".

I SINDACATI - Dal canto loro, i sindacati, hanno sottolineato che "fermare tutto sarebbe sbagliato. Il Paese ha bisogno di grandi infrastrutture" affermano in una nota congiunta, Vito Panzarella, Franco Turri e Alessandro Genovesi, segretari generali di Feneal Uil, Filca Cisl, Fillea Cgil. "L'alta velocità-alta capacità, così come il passaggio da gomma a ferro o ai corridoi del mare, sono una sfida fondamentale - hanno spiegato - per un Paese che muove ancora il 90% delle merci con un inquinante e costoso trasporto su tir. La connessione con i grandi corridoi europei è parte indissolubile del rilancio delle nostre aziende manifatturiere e non solo e per rompere l'isolamento delle aree interne". (adnkronos)

Read 597 times

Utenti Online

Abbiamo 1145 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

Calendario

« November 2020 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30