ANNO XIV Novembre 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 03 Agosto 2018 07:51

Stop alle trivellazioni in mare: fermiamo il business del petrolio!

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Le fonti fossili sono la principale causa del riscaldamento globale, dei cambiamenti climatici e dell’inquinamento dei nostri territori. Eppure i nostri Governi continuano a finanziarlecon ricchi sussidi.

Nel 2016 i sussidi erogati dallo Stato alle grandi compagnie petrolifere sono stati 14 miliardi, in forma diretta o indiretta. Tra i Paesi del G20, l’Italia è all’ottavo posto per finanziamenti alle fossili.

Le attività di ricerca ed estrazione di idrocarburi mettono a rischio anche i nostri mari, con progetti estesi per oltre 120 mila chilometri quadrati. Sono 67 le concessioni di coltivazione, 138 le piattaforme, 24 i permessi di ricerca attivi a cui se ne potrebbero aggiungere ulteriori 34.

Queste piattaforme non solo rappresentano un rischio enorme per noi e per i nostri mari, ma hanno anche impatti tremendi sulla fauna marina e la pesca. Le prospezioni di ricerca utilizzano la tecnica dell’airgun (forti esplosioni sottomarine di aria compressa) che provoca gravi danni agli organismi marini, in particolare i cetacei, mentre la pesca può diminuire fino al 50%, con conseguenti danni all’economia e al turismo dei territori interessati.

Tutto ciò per soddisfare appena il 10% dei consumi energetici del nostro Paese: un modello illogico e antieconomico. Virare verso energie pulite e sostenibili non è più una scelta, è l’unica soluzione per tutelare il mare, l’ambiente e la nostra salute. Unisciti anche tu alla nostra battaglia contro i sussidi alle fonti fossili e le trivellazioni in mare!

Sostieni la nostra petizione al Ministro per lo Sviluppo Economico Luigi di Maio per uno stop immediato ai sussidi alle fonti fossili e ai progetti di ricerca ed estrazione di petrolio! . La petizione su change.org 

Read 745 times

Utenti Online

Abbiamo 1050 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine