ANNO XII  Ottobre 2018.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 07 Agosto 2018 12:31

Caporalato come si sconfigge, vent'anni dopo Cira e le altre

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Le immagini sono su tutti i tabloid, nei TG nazionali...i fatti tragici di Foggia, ripropongono il tema dello sfruttamento della manodopera in agricoltura: il caporalato.

Cambiano i protagonisti, ora sono gli extracomunitari a stare sotto la schiavitù del bisogno, comunque per i lavori più pesanti. per esempio le raccolte di pomodori e patate,; mentre acinellatura o raccolta fragole ancora vede ragazzine italiane stipare pullman dei caporali. 
Nel 1997, ora sono 21 anni fa, pubblicai il romanzo sociale "Cira e le altre, braccianti e caporali". Un racconto completo che spiega il fenomeno nelle sue radici economiche, descrive il caporale maestro, antesignano dei caporali di oggi, più anarchico e per nulla legato alla malavita che può ben richiamare quelli descritti da Carlo Levi nel suo "Cristo si è fermato a Eboli".  Un caporale che è uno di famiglia, lavora con le braccianti, spiega, forma, le difende dalla tracotanza dei padroni, sono però "cosa sua".
Un romanzo verista che mostra la beata ignoranza di chi non sa com'è fatto il mondo, come può essere in questo caso Cira, la protagonista, una diciottenne che chiede continuamente notizie sul lavoro, la previdenza, il sindacato. E qui in modo quasi didascalico si comprende il fenomeno anche nella sua evoluzione con l'intervento della malavita organizzata. 
Read 410 times Last modified on Martedì, 07 Agosto 2018 17:03

Le Vignette di Paolo Piccione

Orfini dichiara: “ora basta, questa volta denunceremo tutto”

 

Utenti Online

Abbiamo 1469 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa