ANNO XII  Dicembre 2018.  Direttore Umberto Calabrese

Domenica, 12 Agosto 2018 12:17

No all'aborto in Argentina: gli sconfitti criticano la Chiesa

Written by 
Rate this item
(0 votes)

La vittoria della Chiesa?

Buenos Aires (Argentina) - La Chiesa prevale nel paese di Papa Francesco. Gli oppositori dell'aborto, che hanno avuto un forte sostegno da parte del settore conservatore della società argentina, hanno accolto con favore la decisione del Senato di dire NO al disegno di legge sull'aborto (dopo il SI della Camera in giugno) e di mantenere la norma che consente l'aborto solo in caso di stupro o pericolo per la madre.

"Contro la vita"

"Era un disegno di legge contro la vita dal suo concepimento, contro le donne", commenta a caldo una ragazza. "Ecco perché festeggiamo oggi. Celebriamo la democrazia, il federalismo e le due vite, la vita della donna e la vita del nascituro".

La ragazza con il fazzoletto azzurro, il colore degli antiabortisti.

"Che delusione!"

La delusione ha colpito, invece, i sostenitori dell'aborto (il loro simbolo è la sciarpa verde).. Ora, però., bisogna trovare una soluzione ai circa 350.000 aborti clandestini all'anno, secondo il Ministero della Salute argentino, che causano più di 40 morti.

"C'era la possibilità di fare la storia, e invece stiamo continuando nello stesso sistema che ci danneggia", dichiara una donna, visibilmente delusa.

La delusione di una sostenitrice dell'aborto.

Disordini a Buenos Aires

Disordini sono scoppiati per le strade di Buenos Aires, dopo il voto al Senato.
Otto persone sono state arrestate nei pressi del Senato e una donna è rimasta ferita negli scontri con le forze dell'ordine.
I manifestanti hanno usato bombe incendiarie, bottiglie e sassi e gli agenti hanno risposto con gas lacrimogeni.

REUTERS/Agustin Marcarian

Tafferugli per le strade di Buenos Aires. (

Read 672 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1390 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa