ANNO XII  Novembre 2018.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 30 Agosto 2018 07:00

Serena Williams non potrà più indossare la tuta da supereroina dei Roland Garros

Written by 
Rate this item
(0 votes)

La federazione francese impone una stretta sul dress code. Ma scoppia la polemica. Sicuramente Serena Williams non poteva immaginare il polverone che avrebbe sollevato scegliendo l'outfit dei Roland Garros.

 Sicuramente Serena Williams non poteva immaginare il polverone che avrebbe sollevato scegliendo l'outfit dei Roland Garros. La già discussa tuta nera da "Black Panther" indossata durante il torneo parigino, è tornata sulla bocca di tutti da quando il presidente della Federazione francese di tennis, Bernard Giudicelli, ha dichiarato in un'intervista alla rivista Tennis Magazine che introdurrà un dress code più rigido per le edizioni future perché "L’abbigliamento di Serena quest’anno non sarà più accettato, bisogna rispettare il gioco e il posto. Tutti vogliono godersi lo spettacolo".

Quando aveva indossato la tuta, lo scorso maggio, l'ex numero 1 del tennis femminile aveva raccontato come questa la facesse sentire invincibile, “forte e potente come una regina di Wakanda”, con chiaro riferimento a Black Panther, celebre personaggio Marvel. In questi giorni Nike le ha fatto eco, con un emblematico post su Twitter in sua difesa: "You can take the superhero out of her costume, but you can never take away her superpowers" (Puoi privare una supereroina del suo abbigliamento, ma non puoi portarle via i superpoteri).  

Williams è tornata a giocare a tempo record dopo la nascita della piccola Olympia, e la tuta serve a favorire la circolazione sanguigna e a ridurre il rischio di embolie. Tra una polemica e l'altra - spiega il Corriere della sera - lo sponsor ne ha approfittato.

<script async src="https://platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8">

Il brand sportivo non è stata l’unica voce a levarsi a favore della Williams: sono tantissimi a schierarsi con la campionessa sul web, accusano Bernard Giudicelli di razzismo e sessismo. Anche l’ex presidente dell’Iran, Mahmoud Ahamadinejad, - si legge su Repubblica.it -  si è schierato con un tweet dalla parte della Williams: “Sfortunatamente alcuni Paesi, incluso il mio, non hanno capito il vero significato della libertà”, ha scritto.

<script async src="https://platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8">

La polemica sul dress code da adottare in campo va avanti mentre a New York sono in corso gli US Open, e Serena sta gareggiando… in tutù.(agi)

Read 428 times

Le Vignette di Paolo Piccione

Sputare in faccia qualcuno non è più reato

 

Utenti Online

Abbiamo 1427 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa