ANNO XII  Settembre 2018.  Direttore Umberto Calabrese

Lunedì, 10 Settembre 2018 06:39

L'estrema destra non sfonda in Svezia, ma i risultati lasciano grande incertezza politica

Written by 
Rate this item
(0 votes)

I Socialdemocratici ai minimi storici, ma restano primo partito. Gli Svedesi democratici non sfondano il 20%. Ma nessuna coalizione ha la maggioranza 

 I socialdemocratici ai minimi storici ma restano il primo partito, l'estrema destra avanza ma non sfonda, crescono i piccoli partiti: è questo il quadro che emerge dalle elezioni in Svezia. Il partito del premier Stefan Lofven avrebbe ottenuto tra il 25,4% e il 26,2%, il peggiore dato dal 1908 con oltre 5 punti in meno sul 2014. L'estrema destra sovranista, anti-immigrati ed euroscettica degli Svedesi democratici di Jimmie Akesson avanza ma non sfonda il muro del 20% mentre guadagnano consensi gli ex comunisti di Sinistra che arriverebbero al 9-9,8%, quasi raddoppiando i loro voti.

<script async src="https://platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8">

Avanzano anche anche il partito di centrodestra, Centro, e i cristiano-democratici.

Elezioni che lasciano una grande incertezza politica

Di certo queste elezioni lasciano in una grande incertezza il Paese scandinavo che proprio i socialdemocratici hanno forgiato in un simbolo di accoglienza e generoso welfare. A livello di coalizione, il partito di governo e i suoi due alleati, Verdi e Sinistra, sarebbero attorno al 39,4% contro il 39,4%, della coalizione di centro-destra guidata dai Moderati. Insomma, non c'è una maggioranza, e quindi o si arriva a un governissimo dei filo-europei o qualcuno dovrà dialogare con la destra radicale malgrado la 'conventio ad excludendum' professata alla vigilia del voto. 

Stando ai primi risultati diffusi delle emittenti Tv4 e Svt, come secondo partito dietro ai socialdemocratici è testa a testa tra l'estrema destra dei Democratici svedesi di Akesson, data tra il 16,3 e il 19,2%, e i Moderati (conservatori) dati da un sondaggio al 17,8% e dall'altro al 18,4%. Per la formazione sovranista di Akesson, Sverigedemokraterna, sarebbe un balzo in avanti rispetto al 13% del 2014 ma meno ampio di quello che facevano pensare i sondaggi che la davano in alcuni casi al 25%. 

Cruciale il tema dell'immigrazione 

La tensione della campagna elettorale, giocata sull'immigrazione dopo l'ondata dei 400.000 profughi accolti dal 2012, ha continuato ad aleggiare sul voto con i blitz in diversi seggi compiuti da militanti neo-nazisti che hanno intimidito e aggredito elettori e giornalisti, scattando fotografie. 

Il 38% degli svedesi ha deciso solo all'ultimo per chi votare, sempre stando agli exit poll e addirittura il 41% ha detto di aver cambiato partito dalle ultime elezioni nel 2014. E in molti hanno voltato le spalle ai socialdemocratici perchè, malgrado una crescita economica stabile e un tasso di disoccupazione sotto al 6%, la questione dei migranti, della criminalità e dell'insicurezza percepita dagli svedesi ha pesato e non poco

Read 365 times

Le Vignette di Paolo Piccione

Orfini dichiara: “ora basta, questa volta denunceremo tutto”

 

Utenti Online

Abbiamo 1431 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa