ANNO XII  Novembre 2018.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 02 Novembre 2018 16:35

Victoria de Stéfano la prima donna italo-venezuelana Cavaliere della Repubblica Italiana

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Caracas (Venezuela) - Umberto Calabrese intervista Victoria de Stefano, la prima donna italo-venezuelana a essere Cavaliere della Repubblica d'Italia.

Il 1 novembre, alle 17.30, presso la Residenza di Silvio Mignano, Ambasciatore d'Italia, un meritato tributo allo scrittore venezuelano-venezuelano Victoria de Stefano: l'imposizione dell'Ordine del Cavaliere della Repubblica Italiana, concesso dal Presidente L'italiano Sergio Mattarella.

Victoria de Stefano è nato a Rimini, in Italia, il 21 giugno 1940, ed è arrivato in Venezuela sei anni dopo, dove ha studiato Filosofia all'Università Centrale del Venezuela, ha sposato il filosofo Pedro Duno, con il quale ha avuto due figli. . Come scrittrice, ha sviluppato un lavoro eccezionale, che include romanzi: “El desolvido” (1971), La noche llama la noche (1985), "El lugar del escritor" (1990), "Cabo de vida" (1993) e "Historias de la marcha a pie" (1997), y los ensayos "Sartre y el marxismo" (1975) y "Poesía y Modernidad, Baudelaire" (1984).

 

Il Cavaliere della Repubblica è il primo livello di onorificenza dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana (OMRI), ordine nato nel 1952 per ricompensare “benemerenze acquisite verso la Nazione nel campo delle lettere, delle arti, dell’economia e nell’impegno di pubbliche cariche e di attività svolte a fini sociali, filantropici e umanitari, nonché per lunghi e segnalati servizi nelle carriere civili e militari”. L’Ordine al Merito della Repubblica Italiana è suddiviso nei seguenti gradi onorifici, in ordine d'importanza: Cavaliere di Gran Croce, Grande Ufficiale, Commendatore, Ufficiale, Cavaliere della Repubblica.

Servizio video di Umberto Calabrese per Agorà Magazine Una produzione di Spazio Agorà Editore & Editorial Espacio Agora.

Read 471 times Last modified on Mercoledì, 07 Novembre 2018 03:37

Le Vignette di Paolo Piccione

Sputare in faccia qualcuno non è più reato

 

Utenti Online

Abbiamo 1424 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa