ANNO XV Marzo 2021.  Direttore Umberto Calabrese

Lunedì, 12 Novembre 2018 09:55

Il M5s e i giornalisti, la festa rovinata dell'assoluzione della Raggi

Written by 
Rate this item
(0 votes)
immagine presa dal Manifesto di ieri immagine presa dal Manifesto di ieri

Il livore eccessivo dell'affermazione sui giornalisti di Di Maio mostra il lato debole del M5s, la scarsa indole a riflettere, prima di parlare.

L’azione penale, questo lo sa chiunque abbia studiato diritto, è obbligatoria. Nel diritto penale processuale c'è l'imputato e l'innocente; si può essere assolti per formula piena e per assenza di prove, ecc... La stampa, nel frattempo che fa? Essendo un personaggio pubblico resta in silenzio e non racconta quello che accade nelle aule del tribunale?

Ricordo che quando il grillini erano fuori dal palazzo erano i primi a urlare se un politico era colpito da un semplice avviso di garanzia. E sappiamo quante carriere distrutte dall’aggressione della rete contro il malcapitato di turno...magari poi riconosciuto innocente.

Il fuori luogo delle dichiarazioni di Di Maio e Battisti sta nel fatto che ora la stampa, quella stessa che viene attaccata, “giornalisti assassini e puttane” dedica ampissimo spazio all'assoluzione della sindaca Raggi e loro, invece di fare il pieno politico utilizzando questa nuova pubblica evidenza - che da sola bastava a risarcire due anni di polemiche -, mettono benzina sul fuoco e cascano nella canea politica della risposta della stampa. Una festa rovinata e…fine della storia.

Ma c'è una verità che sta nel mezzo e che riguarda come si fa giornalismo o come si cura un organo di stampa. Questa è una riflessione da fare nei media, su come si fa il giornale. Un conto è scrivere il pezzo e firmarlo, un altro è pubblicare agenzie, magari scegliendo i titoli che piacciono all'editore in quell'istante usando gli umori del momento e questo alla lunga trasforma, orienta, amplifica, esagera la realtà. Questo non vuol giustificare l’attacco alla stampa, se mai descrive il perché del livore, da dove nasce.

Del resto, e l’abbiamo scritto, si tratta di un boomerang che si ritorce contro lo stesso movimento; tuttavia vorremmo capire cosa pensi di questo attacco la giornalista tarantina che abbiamo eletto con oltre 60 mila voti su questa vicenda. Grazie

Read 744 times Last modified on Lunedì, 12 Novembre 2018 10:55

Utenti Online

Abbiamo 935 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

Calendario

« March 2021 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31